Fondamenti e Didattica della Geografia (2019/2020)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S001192
Crediti
9
Coordinatore
Luca Simone Rizzo
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
LABORATORIO 1 M-GGR/01-GEOGRAFIA Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
LEZIONE 8 M-GGR/01-GEOGRAFIA Sem. 2A, Sem. 2B Luca Simone Rizzo

Obiettivi formativi

-------------------------
LABORATORIO
-------------------------

GRUPPO 1:
Durante il laboratorio esploreremo in chiave operativa e metodologica Il tema dell’analisi del paesaggio e del patrimonio in esso contenuto (naturale e culturale). Su questo tema è prevista un’applicazione pratica, che vedrà gli studenti protagonisti. L'obiettivo dell'esercitazione è ragionare sul COME fare analisi del paesaggio e del patrimonio, geo-segno in esso impresso (questo funzionalmente ad attività da fare in aula o fuori da essa, con l’alunno / l’alunna).

GRUPPO 2 e 3:
Durante il laboratorio, investigheremo come:
• progettare, gestire, valutare percorsi di educazione geografica secondo un modello sistemico
• individuare modalità di attivazione di sinergie con le agenzie extrascolastiche territoriali
• collegare le conoscenze con le competenze, per la progettazione/lo svolgimento delle attività educative
• esaminare i diversi paradigmi culturali che sottostanno alle proprie idee di ambiente urbano e sostenibilità
• essere in grado di costituire con i colleghi comunità di pratiche e di dialogo
• problematizzare il reale e le proprie visioni del mondo
• pensare per relazioni attivando capacità di riflessione metacognitiva e di co- costruzione delle conoscenze
• sapersi confrontare in modo costruttivo con le visioni altrui

------------------------
LEZIONE
------------------------

Tenendo conto di dover far sviluppare ai bambini capacità e abilità consone alla scuola per l’infanzia e primaria, specifiche alla disciplina geografica, di essa verranno trattati in ottica evolutiva i seguenti aspetti: i fondamenti, i paradigmi, i concetti e metodi, le principali tematiche.
Impostare della didattica efficace e stimolante permette ai bambini di sviluppare in base all’età l’attenzione al mondo circostante a scale diverse (comunque secondo un’ottica multi-scalare e trans-scalare); questo al fine di accrescere la consapevolezza e tradurre il tutto in conoscenza spaziale e territoriale. L’obiettivo, quindi, è far apprendere allo studente come impostare una didattica atta a far sviluppare una acuta e critica capacità di osservazione dei contesti naturali e umani, sia diretta sia mediata da strumenti / media di natura diversa (utili ad un progressivo arricchimento dei contenuti).
Fornendo le opportune indicazioni, si insisterà sulla necessità per il futuro insegnante di assumere una “forma mentis” che poggi sull’aggiornamento continuo e sulla logica dell’apprendimento (teorico, applicato ed esperienziale) permanente (nell’arco, cioè, di tutta la vita lavorativa).
L’insegnamento “Fondamenti e Didattica della Geografia” è articolato in due parti: A e B.

Programma

---------------------------------------
EDUCATIONAL WORKSHOP
----------------------------------------

GRUPPO 1:

- PARTE 1 (premessa teorico-metodologica):
1. Dopo qualche nota introduttiva sul concetto di PAESAGGIO, parleremo di analisi (geografica) del paesaggio (sottolineando come ci siano molti modi di guardare al paesaggio)
2. A seguire, faremo un richiamo sugli strumenti di OSSERVAZIONE INDIRETTA
3. Ne sceglieremo alcuni, poi, che useremo a fini di esercitazione. Uno strumento in particolare permetterà di lanciarci nella lettura e interpretazione di un paesaggio: la CARTA.
A riguardo, quindi, cominceremo coll'evidenziare come si procede (metodologicamente) alla lettura del paesaggio a partire dall'uso dalla «carta» (in particolare topografica – uno dei modi per rappresentare il paesaggio): nel farlo individueremo tappe e step operativi

- PARTE 2 (esercitazione pratica):
1. Partendo dall'uso di una sezione della carta topografica dell’Italia e focalizzando su porzioni del territorio del Veneto occidentale, leggeremo e interpreteremo esempi di paesaggi nel loro alternarsi di elementi naturali e antropici
2. Con riferimento a questi ultimi – e ricorrendo anche a strumenti complementari alla carta (il web, web app e virtual globe, le immagini satellitari, dataset disponibili, foto, ecc.) – lavoreremo sull'identificazione di tipologie specifiche di elementi geografici e del patrimonio (soprattutto culturale) che hanno plasmato il paesaggio e che di esso sono elementi iconici: dimore storiche, heritage religioso, ecc.

GRUPPO 2 e 3:

Il programma approfondirà il tema della SOSTENIBILITÀ URBANA e si articolerà in due fasi:
a] 1ª fase: 4 ore per ogni gruppo (3X4h = 12h)
b] 2a fase: 4 ore per ogni gruppo (3X4h = 12h)

- LA CITTÀ SOSTENIBILE / Argomento "La sostenibilità urbana":
1. Individuazione del problema: rilevazione delle pre-comprensioni relative al tema “sostenibilità urbana” (lavoro individuale). Partire da quei concetti che spesso rientrano nella matrice cognitiva del senso comune: “città” e “sostenibilità”
2. Una volta individuati i temi ritenuti rilevanti e caratteristici della sostenibilità urbana, realizzare uno schema concettuale degli argomenti condiviso e co-costruito con il piccolo gruppo
3. Individuazione di un tema ritenuto rilevante dal gruppo sul quale effettuare una riflessione/ricerca condivisa alla luce delle conoscenze apprese durante le lezioni di geografia, delle Indicazioni Nazionali del 2012, dei Nuovi Scenari 2018 e dell'esperienza di tirocinio svolto
4. Ipotizzare un percorso didattico e/o un gioco da proporre alla scuola dell'infanzia e/o alla scuola primaria sul tema individuato che tenga conto delle riflessioni emerse e delle conoscenze apprese
5. Presentazione dei giochi realizzati e del percorso educativo seguito dai bambini e dalle bambine del Consiglio Comunale dei Ragazzi che ho coordinato negli anni scorsi (“Ecogame” – gioco dell'oca sulla sostenibilità; “Ecopolis” - gioco per realizzare la città sostenibile)

- LA CITTÀ SOSTENIBILE / Argomento "un aspetto della città sostenibile: la progettazione partecipata":
1. Studio di caso: la progettazione partecipata di un'area urbana
2. Presentazione del caso: un'area priva di destinazione d'uso nella prima periferia di una città di piccole dimensioni
3. Analisi delle fotografie, dell'ortofotopiano e della planimetria dell'area in oggetto
4. Role playing: come la progettazione partecipata mette in gioco esigenze e problematiche complesse
5. Analisi del materiale e delle soluzioni prodotte dal Consiglio Comunale dei Ragazzi nel processo di riqualificazione di un'area urbana
6. Debriefing: momento condiviso di riflessione sulle tematiche affrontate, sulle criticità inevase e sugli ulteriori spazi di ricerca

------------------------
LEZIONE
------------------------

- Parte A:
• Cosa è la Geografia
• La Geografia fisica e la Geografia umana
• Le diverse geografie tematiche; le definizioni e collocazione nel contesto scientifico
• I concetti base della Geografia (luogo, sito, spazio, territorializzazione e territorio; regione; diffusione/distribuzione/variazione/correlazione/interazione spaziale, ecc.)
• Il concetto di scala
• Il dualismo natura-cultura
• Gli strumenti della Geografia
• I dati qualitativi e quantitativi
• Introduzione alla Cartografia tradizionale e ai GIS (Sistemi Informativi Geografici)
• Il paesaggio e territorio (paesaggi culturali e naturali, e regioni)
• Gli ecosistemi e le interazioni società/ambiente
• La popolazione e le migrazioni
• La Geografia culturale in relazione al fenomeno della globalizzazione
• Il concetto di sviluppo e la Geografia dello sviluppo
• Geografia e agricoltura
• La Geografia industriale, dei servizi e dei trasporti
• Geografia, turismo e territorio
• I principali concetti di Geografia urbana
• Concetti chiave della Geografia politica e istituzioni in tal senso rilevanti (internazionali e sovranazionali)

- Parte B:
• L’utilizzo didattico di strumenti e fonti della Geografia
• La programmazione di un’uscita didattica
• La costruzione di un itinerario geografico variato a seconda dell’età
• L’aggiornamento professionale
• L’elaborazione di un curriculum geografico
• Criteri e scelta di un libro di testo Nel laboratorio verranno proposte singolarmente o a gruppi delle attività che mirano a rendere in forma pratica quanto dettagliato nel programma con esercitazioni mirate su immagini e giochi interattivi con software dedicati.

Modalità didattiche (per entrambi i moduli delle "lezioni"):
- Didattica frontale, sempre anche con l’uso di slide appositamente preparate per gli studenti. Frequenti saranno i casi di studio applicabili alle varie parti dell’insegnamento e l’uso della navigazione in rete per le dimostrazioni opportune. Per una didattica attiva e consapevole, Verrà insegnato - inoltre - come utilizzare sia a livello individuale sia costituendo gruppi di lavoro il materiale disponibile nelle Biblioteche di Ateneo e sul sito dell’Associazione italiana insegnanti di Geografia (AIIG)
- Eventuali attività seminariali su tematiche selezionate e attinenti l’insegnamento [sono previsti interventi di esperti esterni] potrebbero essere organizzate.

Modalità d'esame

----------------------
LABORATORIO
----------------------

GRUPPO 1:
1. Lavori di gruppo
2. Presentazione orale dei risultati al docente e alla classe (tramite supporti elaborati dagli studenti - ad esempio: power point)

GRUPPO 2 e 3:
Presentazione dello schema prodotto in gruppo con alcune slide (PDF o PPT).

------------------------
LEZIONE
------------------------

- Modalità di accertamento: prova scritta con quesiti aperti e a scelta multipla.
L’obiettivo della prova di accertamento è valutare:
1) la conoscenza degli argomenti trattati nel corso
2) la capacità e la completezza espositiva ed argomentativa attraverso un appropriato linguaggio geografico
3) la capacità di effettuare connessioni interdisciplinari con altri ambiti del sapere
4) la capacità di trasformare le conoscenze in abilità

- Modalità di valutazione: il voto è espresso in 30 trentesimi
NB: Le modalità d’esame non presentano differenze fra frequentanti e non frequentanti.
Chi non dovesse superare l'esame può presentarsi all'appello successivo.
L'iscrizione all'esame è obbligatoria seguendo le procedure ufficiali del Corso di Laurea.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Luigina Mortari Educare alla cittadinanza partecipata Bruno Mondadori 2008 Il volume è indicato come materiale di supporto per il laboratorio (gruppo 2 e 3)
LAVAGNA E., LUCARNO G. Geocartografia. Guida alla lettura delle carte geotopografiche (Edizione 2) Zanichelli 2014 880815789X Del volume indicato come materiale di supporto per il laboratorio (gruppo 1), si prendano in esame i capitoli seguenti: 5 (i paragrafi 5.1, 5.2 e 5.3); 6; 7 (i paragrafi 7.6 e 7.7); 8 (il paragrafo 8.3)
LAVAGNA E., LUCARNO G., RIGOBELLO P.M. Geografia per insegnare. Idee e strumenti per la didattica (Edizione 1) Zanichelli 2018 9788808720528 Il volume va studiato integramente ad eccezione dei cap.: 1; 7; 9; 11; 12; 13; 14
GREINER A.L., DEMATTEIS G., LANZA C. Geografia Umana. Un approccio visuale (Edizione 3) UTET Università 2019 9788860085689 Il volume va studiato integramente ad eccezione dei cap.: 4; 10.3, 10.4, 10.5; 11.2, 11.4 e 11.5
Raymond Lorenzo La città sostenibile (Edizione 3) Eléuthera 1999 Il volume è indicato come materiale di supporto per il laboratorio (gruppo 2 e 3)