Psicologia della disabilità e dell'integrazione (2015/2016)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S001193
Crediti
9
Coordinatore
Marinella Majorano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
Psicologia della disabilità 4 M-PSI/04-PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Sem . IA Marinella Majorano
Psicologia dell'integrazione 4 M-PSI/04-PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Sem. IB Daniela Raccanello
Laboratorio 1 M-PSI/04-PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo

Obiettivi formativi

Modulo: Psicologia della disabilità
-------
Il modulo di Psicologia della disabilità e dell’integrazione si propone di fornire una conoscenza di base relativa alle principali problematiche teoriche e metodologiche inerenti i processi di apprendimento nel bambino con disabilità e/o bisogni educativi speciali. Si propone inoltre di fornire una conoscenza sugli indicatori di rischio in età prescolare e scolare di difficoltà o ritardi nell’ambito dei processi di apprendimento.
Nello specifico, i risultati di apprendimento attesi sono i seguenti:
1) conoscenza e comprensione dei principali modelli evolutivi sui processi di apprendimento e comunicazione nel bambino con disabilità; conoscenza dei prerequisiti nelle diverse aree (verbale e non verbale) e ruolo dei processi trasversali (memoria e attenzione) che permettono tale sviluppo;
2) capacità di utilizzare un approccio integrato sul funzionamento educativo che tenga conto del complesso intreccio tra input biologico e fattori contestuali nel determinare funzioni, capacità e partecipazione, così come proposte da modello ICF;
3) capacità di applicare le conoscenze acquisite nel processo di osservazione e progettazione nei diversi contesti educativi, con particolare attenzione alle disabilità.


Modulo: Psicologia dell'integrazione
-------
Il modulo di Psicologia dell’integrazione si propone di fornire una conoscenza di base relativa alle principali problematiche teoriche e metodologiche inerenti ai processi di integrazione del bambino con bisogni educativi speciali. Si propone inoltre di fornire una conoscenza specifica sia di particolari categorie di bambini con bisogni educativi speciali sia di alcuni domini dello sviluppo psicologico.
Nello specifico, i risultati di apprendimento attesi sono i seguenti:
1) conoscenza e comprensione degli aspetti basilari relativi ai processi di integrazione scolastica, approfondendo il ruolo di modelli teorici e fattori di ostacolo o facilitatori legati al contesto;
2) conoscenza e comprensione degli aspetti basilari relativi a particolari categorie di bambini con bisogni educativi speciali (es., bambini con svantaggio sociale e culturale) e ad alcuni domini dello sviluppo psicologico (es., sviluppo socio-emotivo).


Modulo: Laboratorio
-------
Il laboratorio di Psicologia della disabilità e dell’integrazione si propone di favorire l’utilizzo concreto delle conoscenze apprese all’interno del corso di Psicologia della disabilità e dell’integrazione. Tra i risultati attesi figura la promozione di capacità di applicazione delle conoscenze acquisite in merito ai bisogni educativi speciali e/o alle disabilità in diversi contesti educativi, in riferimento allo sviluppo linguistico, cognitivo e socio-emotivo.

Programma

Modulo: Psicologia della disabilità
-------
Nella prima parte del corso si prevede di approfondire in generale i processi di apprendimento e comunicazione, in base ad un approccio inclusivo, che tenga conto della complessa integrazione tra fattori biologici e contestuali nel determinare il “funzionamente educativo”. Si intende in seguito fornire più nello specifico conoscenze sulle caratteristiche delle principali disabilità/bisogni educativi speciali.
Nella seconda parte del corso si prenderà in specifica considerazione il ruolo delle variabili di contesto nei processi educativi a diversi livelli (proposte didattiche, gruppo classe, contesto scuola, famiglia), con riferimento alla prospettiva teorica socio-costruttivista così come proposto dall’approccio ICF, approfondendo il tema dell’interazione tra fattori cognitivi, socio-emotivi e motivazionali nei processi di apprendimento. Si farà infine particolare attenzione all’osservazione e alla progettazione educativa in relazione a specifiche disabilità e/o bisogni educativi speciali.
Le lezioni saranno frontali con l’ausilio di materiali visivi, tra cui anche filmati o discussione di casi, al fine di favorire un’applicazione immediata delle conoscenze teoriche. Si prevede un coinvolgimento attivo degli studenti in discussioni, al fine di favorire una riflessione critica sui temi affrontati. Si consiglia, per tali ragioni, la frequenza da parte degli studenti.


Modulo: Psicologia dell'integrazione
-------
Nella prima parte del corso ci si focalizzerà su alcuni aspetti basilari della psicologia dell’integrazione. Particolare attenzione sarà dedicata a questioni definitorie, ai principali approcci teorici, e a possibili elementi facilitatori e/o di ostacolo ai processi di integrazione, tenendo conto del ruolo giocato dal contesto in termini di insegnanti, pari e familiari.
Nella seconda parte del corso ci si focalizzerà su una categoria specifica di studenti con bisogni educativi speciali, i bambini con svantaggio sociale e culturale. Particolare attenzione sarà dedicata ai fenomeni di immigrazione e adozione/affido, tratteggiandone alcune caratteristiche salienti in riferimento allo sviluppo psicologico.
Nella terza parte del corso ci si focalizzerà su un dominio specifico della sfera psicologica, l’ambito socio-emotivo legato agli apprendimenti, alla luce dei processi d’integrazione scolastica. Particolare attenzione sarà dedicata a questioni definitorie, principali approcci teorici, descrizione e spiegazione dei processi di sviluppo emotivo, e modalità di intervento sul piano socio-emotivo.


Modalità didattiche
Le lezioni saranno frontali. Si prevede un coinvolgimento attivo degli studenti in discussioni, al fine di favorire una riflessione critica sui temi affrontati. Si consiglia, per tali ragioni, la frequenza da parte degli studenti.



Testi per l’esame
È previsto lo studio dei seguenti testi.
PRIMA PARTE
Soresi, S. (2007). Psicologia della disabilità. Bologna: Il Mulino (Parti seconda e terza).
SECONDA PARTE
Duca V., Murineddu, M., & Leoni, L. (2010). Scuola senza frontiere: valutare e potenziare l'integrazione nella classe multiculturale. Giunti O.S.
Brodzinsky, D. M., & Palacios, J. (2011). Lavorare nell’adozione. Dalle ricerche alla prassi operativa. Milano: FrancoAngeli (capitoli 4, 5, 6, 7). Edizione italiana a cura di M. Chistolini.
TERZA PARTE
Morganti, A. (2012). Intelligenza emotiva e integrazione scolastica. Roma: Carocci.

Si consigliano inoltre i seguenti testi per approfondimenti.
PRIMA PARTE
Arcuri, L., & Cadinu, M. (2011). Gli stereotipi. Bologna: Il Mulino.
Muzzatti, B. (2008). Gli atteggiamenti verso la disabilità: credenze, reazioni emotive e comportamenti delle persone non disabili. Giornale Italiano di Psicologia, XXXV, 313-334.
Soresi, S., & Nota, L. (2001). La facilitazione dell'integrazione scolastica. Pordenone: Erip.
SECONDA PARTE
Colombo, M., & Ongini, V. (2014). Alunni con cittadinanza non italiana. L’eterogeneità dei percorsi scolastici. Rapporto nazionale A.s. 2012/2013. Milano: Fondazione ISMU-MIUR. http://www.istruzione.it/allegati/2014/Miur_2012_2013.pdf
Raccanello, D. (2012). L’adozione dal punto di vista dei bambini: ruolo di età e coinvolgimento personale. Psicologia Clinica dello Sviluppo, 16 (3), 507-529.
Rosnati, R. (a cura di) (2010). Il legame adottivo. Contributi internazionali per la ricerca e l’intervento. Milano: FrancoAngeli.
TERZA PARTE
Battacchi, M. W. (2004). Lo sviluppo emotivo. Bari: Editori Laterza.
Grazzani Gavazzi, I. (2014). Psicologia dello sviluppo emotivo. Bologna: Il Mulino.
Grazzani Gavazzi, I., Ornaghi, V., & Antoniotti, C. (2011). La competenza emotiva dei bambini. Trento: Erikson.
Lafortune, L., Doudin, P. A., Pons, F., & Hancock, D. R. (2012). Le emozioni a scuola. Riconoscerle, comprenderle e intervenire efficacemente. Trento: Erikson. Edizione italiana a cura di O. Albanese e C. Fiorilli.
Mariani, U., & Schiralli, R. (2012). Intelligenza emotiva a scuola. Percorso formativo per l’intervento con gli alunni. Trento: Erikson.


Modulo: Laboratorio
-------
L’attività di laboratorio si focalizzerà sulla progettazione di interventi per favorire l’integrazione di bambini con bisogni educativi speciali e/o disabilità in diversi contesti educativi, in riferimento allo sviluppo linguistico, cognitivo e socio-emotivo.

Modalità didattiche
L’attività di laboratorio prevede l’utilizzo di strategie didattiche attive, basate su apprendimento collaborativo, problem solving e discussione tra pari.

Modalità d'esame

Modulo: Psicologia della disabilità
-------
L’esame per l’intero insegnamento di Psicologia della disabilità e dell’integrazione e consisterà in un’unica prova scritta costituita da sei domande a risposta aperta: tre relative al modulo di Psicologia della Disabilità e tre relative al modulo di Psicologia dell’Integrazione (tempo totale: due ore).

Testi per l’esame
Per la parte d’esame relativa alla Psicologia dell’Educazione è previsto lo studio dei seguenti testi:

Ianes, D. (2005). Bisogni Educativi Speciali e inclusione. Trento: Ed Erickson.
Cornoldi. C. (2013). Le difficoltà di apprendimento a scuola. Bologna: il Mulino.
Orsolini, M., Fanari, R., Maronato, C. (2006). Difficoltà di lettura nei bambini. Bologna: Carocci.


Modulo: Psicologia dell'integrazione
-------
L’esame per l’intero insegnamento di Psicologia della disabilità e dell’integrazione consisterà in un’unica prova scritta costituita da sei domande a risposta aperta: tre relative al modulo di Psicologia della disabilità e tre relative al modulo di Psicologia dell’integrazione (tempo totale: due ore).


Modulo: Laboratorio
-------
L’attività di laboratorio prevede l’elaborazione di un progetto. Le modalità di svolgimento del progetto saranno comunicate durante il laboratorio stesso.