Storia della filosofia contemporanea (2014/2015)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S00805
Docente
Tommaso Tuppini
Coordinatore
Tommaso Tuppini
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/06 - STORIA DELLA FILOSOFIA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. IA dal 1-ott-2014 al 16-nov-2014.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

"Occuparsi delle persone all'interno di una organizzazione e della loro formazione, promuovendone la motivazione, la partecipazione, la responsabilità, il benessere, è", così si trova indicato nei principi che dovrebbero dirigere la frequenza del nostro corso di laurea, "uno dei modi – forse il migliore – per promuovere lo sviluppo dell'intera organizzazione". Principio senz'altro condivisibile, ma che rimane un'enunciazione vuota se non si tengono presenti le circostanze e gli eventi della vita in cui motivazione, partecipazione, responsabilità e benessere rimangono risultati impossibili da conseguire. Cioè se non ci ricordiamo di tutti gli scacchi, in parte fortuiti, in parte necessari, cui va incontro ogni esercizio di formazione e di organizzazione sociale. L'obiettivo del corso è dunque quello di introdurre alla comprensione dell'impossibilità della formazione come dello scoglio che ogni consapevole esercizio di formazione deve poter circumnavigare.

Programma

LA FAMIGLIA, IL NORMALE, IL PATOLOGICO

La prima esperienza formativa dell'individuo è senz'altro la relazione famigliare. Ciò non significa in alcun modo che la "famiglia" sia qualcosa come un'entità naturale. Al contrario, essa è semmai la prima forma di cultura che all'individuo è dato di sperimentare. "La famiglia umana" scrive il giovane psichiatra Lacan "va compresa all'interno dell'ordine originale di realtà costituito dalle relazioni sociali". Le relazioni che s'istituiscono dentro la famiglia sono le forme che fanno transitare il "cucciolo d'uomo" dall'ordine degli istinti a quello della società, dentro il quale tutti noi diventiamo degli individui "normali". Che cosa accade, però, quando qualche cosa fa inceppare il funzionamento di questo transito? Che cosa accade quando l'esercizio della formazione famigliare rimane, per così dire, sospeso a metà? Nasce un criminale, un "anormale", qualcuno che "erra a lungo come un uomo senza cultura e un animale senza istinto, cioè come quel che non esiste: un essere mitico, mostruoso la cui definizione è impossibile perché non appartiene a nessun ordine enunciativo".


BIBLIOGRAFIA:

- J. LACAN, "I complessi famigliari nella formazione dell'individuo", Einaudi, Torino 2005
- J. LACAN, "Lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell'io", in "Scritti", Einaudi, Torino 2002 (file PDF scaricabarile da questa pagina)
- M. FOUCAULT, "Gli anormali", Feltrinelli, Milano 2009
- "Io, Pierre Riviere avendo sgozzato mia madre, mia sorella e mio fratello… Un caso di parricidio nel XIX secolo a cura di Michel Foucault", Einaudi, Torino 2000


Gli studenti devono essere in possesso dei testi durante lo svolgimento delle lezioni.

Modalità d'esame

Esami orale sui testi indicati in bibliografia

Materiale didattico

Documenti