Filosofia teoretica (2007/2008)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S00754
Docente
Paolo Giuspoli
crediti
4
Settore disciplinare
M-FIL/01 - FILOSOFIA TEORETICA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. I B dal 12-nov-2007 al 20-dic-2007.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Questo insegnamento promuove competenze nell’elaborare le ragioni della ricerca filosofica attraverso il confronto critico con altre prospettive culturali e di ricerca, in rapporto con la propria tradizione e con le differenti tematiche filosofiche specialistiche. L'obiettivo fondamentale è di favorire l'approfondimento critico e l'interpretazione delle conoscenze oltre i limiti degli specialismi. In particolare si promuove la comprensione e la discussione degli orientamenti teorici che hanno fondato un nuovo modo di intendere i principali processi della formazione del sapere.
Nel quadro del percorso formativo previsto da questo CdL, il presente corso dà per acquisite le indispensabili nozioni di base offerte dal corso di Storia della filosofia, per proporre l’analisi diretta di testi e questioni fondamentali del pensiero moderno e contemporaneo.

Programma

Coscienza e mondo. Approfondimenti teoretici e percorsi interdisciplinari.
A. Introduzione: coscienza e mondo all’origine del pensiero moderno.
B. La concezione schopenhaueriana del "mondo". Il mondo come "prodotto cerebrale". L'autocoscienza come "nodo cosmico". Costituzione biologica ed emozionale della conoscenza del mondo. Comunicabilità dell’esperienza.
C. La teoria hegeliana della formazione della coscienza: condizionamenti ambientali; prime forme di attività simbolica; la capacità di idealizzazione; la passività psichica; l’abitudine; il corpo quale “opera d’arte” dell’intelligenza; lo sviluppo della coscienza; coscienza e autocoscienza; relazione tra autocoscienze; la consapevolezza razionale dei propri atti conoscitivi; dimensione psicologica-personale e dimensione comunitaria del sapere.
D. Problemi e prospettive del dibattito interdisciplinare contemporaneo sulla coscienza e sui fondamenti biologici della intelligenza umana. Esercitazioni di interpretazione e discussione critica di alcune tra le più recenti ricerche internazionali.

Testi per l’esame:
A. R. Descartes, Meditazioni metafisiche, trad. e introd. di S. Landucci, Laterza, Roma-Bari 2003, 27-55 (oppure Cartesio R., Meditazioni metafisiche sulla filosofia prima. Obbiezioni e risposte, trad. di A. Tilgher riv. da F. Adorno, Laterza, Roma-Bari 1986, 17-32).
B. Arthur Schopenhauer, Supplementi al `Mondo come volontà e rappresentazione’, Laterza, Roma-Bari, 1999 (o altre traduzioni più recenti), capitoli I, XIX, XXII, L.
C. G.F.W. Hegel, Filosofia dello spirito, a cura di A. Bosi, UTET, Torino 2005. Linee essenziali della filosofia dello spirito soggettivo §§ 377-482 (in particolare par. 377, 381-386, 389, 392-393, 396-398, 400-403, 405, 407-411; 413-419; 424-436; 439-440).
D. Materiali sul dibattito contemporaneo in campo filosofico e neuroscientifico.
Per i frequentanti. Uno a scelta tra i seguenti saggi presentati o discussi a lezione: A.R. Damasio, L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano, Adelphi, Milano 1996, 336-341; J. Searle, La coscienza.La struttura della coscienza e la neurobiologia, in La mente, Raffaello Cortina, Milano 2006, cap. 5; Jean-Pierre Changeux, Paul Ricoeur, La natura e la regola: alle radici del pensiero, Raffaello Cortina, Milano 1999 (un capitolo a scelta); E.R. Kandel, La coscienza. Alla ricerca della memoria. La storia di una nuova scienza della mente, Codice edizioni, Torino 2007, 349-361.
Per i non frequentanti questo punto può essere sostituito con la lettura del volume: J. Searle, La mente, Raffaello Cortina, Milano 2006 (capitoli: La coscienza I, La coscienza II, L’intenzionalità, La causalità mentale; L’inconscio e la spiegazione del comportamento; la percezione; l’io).
Dopo la conclusione del corso sarà disponibile una dispensa delle lezioni relativa ai punti A, B e C.

Modalità d'esame

Attività seminariali ed esame orale conclusivo. L’esame verterà sui punti A, B e C e un saggio o capitolo di libro relativo al punto D, a scelta dello studente.
Principali competenze richieste: saper presentare la proposta teorica degli autori considerati, con particolare attenzione ai modi in cui l'autore argomenta e cerca di dimostrare razionalmente le tesi fondamentali sostenute; sapere focalizzare un problema di rilievo, facendo attenzione al modo in cui lo si delimita, definendo la prospettiva di indagine e i concetti-guida da utilizzare, indicando sinteticamente i possibili sviluppi dell’indagine.
Gli appelli della sessione di esami invernali sono: 29 gennaio e 12 febbraio 2008. Su richiesta si potrà aggiungere un ulteriore appello nella seconda o terza settimana di gennaio.
Verrà valutata positivamente la lettura facoltativa in lingua originale di almeno uno dei testi in programma. I testi sono disponibili presso la Biblioteca del Dipartimento di Filosofia (II piano del Palazzo di Lettere, via S. Francesco 22). I non frequentanti sono invitati a prendere contatto con il docente in vista della preparazione dell’esame.