Pedagogia speciale (2005/2006)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S00796
Docente
Angelo Lascioli
crediti
8
Settore disciplinare
M-PED/03 - DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
SEM. II A, SEM. II B

Orario lezioni

SEM. II A
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Pedrazza  
martedì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Pedrazza  
mercoledì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Pedrazza  
SEM. II B
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Tommasi  
martedì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Tommasi  
mercoledì 9.00 - 11.00 lezione Studio Studio Prof.ssa Tommasi  

Obiettivi formativi

Il corso è finalizzato all’iniziazione alle problematiche pedagogiche ed educative dei soggetti disabili. Ha un carattere di propedeuticità sia epistemologica che metodologico-didattica. Lo studente viene iniziato alle modalità più idonee di pensiero e di atteggiamento per instaurare contatti educativamente validi con i soggetti che presentano disabilità motorie, sensoriali e mentali.

Programma

Il corso è strutturato in due parti: nella prima, si affronteranno gli aspetti teorici e metodologici dell’approccio pedagogico-educativo ai bisogni educativi speciali; nella seconda, laboratorio di Attività motoria compensativa a favore di soggetti con disabilità.
Per ciò che riguarda la prima parte gli argomenti principali saranno i seguenti:
1) Epistemologia delle scienze dell’educazione: partendo dalle problematiche dell’epistemologia generale delle scienze in genere e umane in particolare, si affronta la problematica della fondatezza della ricerca in pedagogia. I problemi della ricerca educativa, emergenti da diversi punti di vista, vengono impostati secondo una visione pedagogica che assume l’azione come punto di vista privilegiato;
2) Dalla Progettazione pedagogica alla Programmazione educativa: condizioni pedagogiche, logica disposizionale, condizioni d’esercizio, logica dell’azione;
3) L’azione educativa speciale: l’intervento educativo a favore di soggetti con handicap comporta da parte dell’educatore e/o pedagogista la capacità di individuare quale azione mettere in atto per superare le resistenze allo sviluppo umano presenti laddove la relazione educativa fa emergere la presenza di bisogni educativi speciali;
4) Problematiche dell’educazione speciale: oltre ai problemi di diagnosi differenziale e funzionale dei deficit e degli handicap, ci si sofferma sulle condizioni personali dell’approccio educativo individualizzato di soggetti ciechi, sordi, spastici, trisomici, deboli mentali, craniolesi, psicotici, nevrotici, ecc.;
5) Pedagogia speciale e neuroscienze: l’argomento riguarderà le ultime scoperte della neurofisiologia della neocortex interpretate in modo interdisciplinare e con riferimento alle possibili ricadute in ambito educativo speciale.

Modalità d'esame

Colloquio con il docente.