Prima infanzia e processi di socializzazione (2020/2021)

Codice insegnamento
4S008141
Docente
Maria Gabriella Landuzzi
Coordinatore
Maria Gabriella Landuzzi
crediti
6
Settore disciplinare
SPS/08 - SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1A dal 21-set-2020 al 31-ott-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione 1. Conoscere e comprendere gli aspetti sociologici caratterizzanti i concetti di socializzazione, socializzazione primaria e identità, in relazione ad un contesto socioculturale. 2. Conoscere e comprendere la socializzazione primaria in quanto processo atto a favorire la costruzione dell'identità sociale. 3. Conoscere e comprendere le agenzie di socializzazione caratterizzanti il contesto attuale, con particolare riferimento alla famiglia e ai servizi per l'infanzia, facendo attenzione alle relative tecniche di socializzazione. 4. Conoscere e comprendere la relazione tra identità e differenza, anche attraverso il concetto di "inferiorizzazione" e di stigma. Capacità di applicare conoscenza e comprensione 1. Applicare le conoscenze apprese al fine di individuare e descrivere i processi che conducono alla costruzione dell’identità sociale e della differenza e riconoscerne i linguaggi, anche in contesti sociali e relazionali complessi. 2. Ampliare il proprio “sguardo professionale”, osservando e entrando in relazione con gli altri, senza preconcetti, riconoscendone i punti di vista. 3. Riconoscere, osservando con punti di vista diversi, processi e linguaggi stigmatizzanti, al fine di promuovere relazioni positive e virtuose. 4. Utilizzare i concetti appresi e le relative dimensioni e caratteristiche, come una sorta di "cassetta degli attrezzi" per affrontare da professionisti, l'odierna complessità caratterizzante il processo di socializzazione.

Programma

Per il raggiungimento degli obiettivi formativi, il corso tratterà i seguenti temi :
• Un contesto in trasformazione: modernità "liquida" e complessità
• Il sistema socio-culturale e l'apprendimento dei ruoli
• Processi di socializzazione e socializzazione primaria
• Socializzazione, identità e differenza
• La famiglia come agenzia di socializzazione primaria
• Socializzazione e prima infanzia: i servizi per l'infanzia, il gruppo dei pari, i media
• Come si socializza: comunicazione e relazione
• Stigmatizzazione e inferiorizzazione sociale
• Tipologie di stigma
• Stigma e relazioni sociali

Gli argomenti presenti nel programma verranno affrontati durante le lezioni e sono reperibili all'interno dei seguenti testi di riferimento:
- Landuzzi M. G., La socializzazione primaria e le sue caratteristiche, Ed. Libreria Cortina, Verona, 2016
- Goffman E., Stigma. L'identità negata, Ombre Corte, Verona, 2003


Le MODALITÀ DIDATTICHE adottate in aula prevedono l'uso di:
- lezioni frontali, dedicate alla trasmissione delle nozioni di base e delle categorie-chiave, utili all'implementazione delle conoscenze teoriche;
- lezioni interattive, caratterizzate dall'analisi di filmati e di materiali esemplificativi, dalla discussione comune, lavori di gruppo, esercitazioni e laddove possibile, dalla relazione con testimoni privilegiati, finalizzate a migliorare le capacità di apprendimento, di comprensione applicata, di lavoro in team, di relazione e comunicazione.

Durante tutto l'anno accademico, la docente è disponibile per il ricevimento individuale su appuntamento.
Il calendario mensile dei ricevimenti è pubblicato sul web alla voce “avvisi”.
Il programma è valido per tutti (frequentanti e non frequentanti), fino all'ultimo appello di febbraio 2021.
Gli studenti Erasmus sono pregati di prendere contatto con la docente all'inizio del corso.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Landuzzi Maria Gabriella La socializzazione primaria e le sue caratteristiche Edizioni Universitarie Cortina 2016 978-88-7749-195-4
Goffman E. Stigma Ombre Corte 2003

Modalità d'esame

L'accertamento dei risultati di apprendimento è uguale per tutti (frequentanti e non) e prevede una prova orale; la valutazione finale è espressa in 30/trentesimi.
La prova orale consiste in un colloquio volto a verificare:
- le conoscenze in merito ai temi studiati
- le abilità comunicative e la proprietà di linguaggio
- la capacità di collegare in forma sistemica le conoscenze
- la capacità analitica e di confronto tra punti di vista diversi.