Psicologia e prima infanzia (2020/2021)

Codice insegnamento
4S008135
Crediti
12
Coordinatore
Marinella Majorano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
PSICOLOGIA DEI DISTURBI EVOLUTIVI NELLA PRIMA INFANZIA 8 M-PSI/04-PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Sem. 1A, Sem. 1B Marinella Majorano
LABORATORIO DI PSICOLOGIA DEI DISTURBI EVOLUTIVI NELLA PRIMA INFANZIA 1 M-PSI/04-PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
PROCESSI COGNITIVI NELLA PRIMA INFANZIA 3 M-PSI/01-PSICOLOGIA GENERALE Sem. 1A Paola Zanchi

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione Modulo1: Psicologia dei disturbi evolutivi nella prima infanzia 1. Avere un insieme di conoscenze e competenze di base che riguardano le atipie evolutive dei principali ambiti dello sviluppo nella prima infanzia (cognitivo, motorio, linguistico, comunicativo e socio-emotivo). 2. Conoscere e comprendere i fattori di rischio e protezione in relazione a specifiche atipie dello sviluppo nella fascia evolutiva 0-3 anni nei diversi contesti educativi. 3. Conoscere e comprendere l’interdipendenza tra fattori neuro-biologici e fattori contestuali nel determinare le traiettorie evolutive di funzioni, abilità e competenze di bambini con atipie dello sviluppo nella prima infanzia che possono rappresentare antefatti di future diagnosi (Disturbo del Linguaggio, Disturbo di Spettro Autistico, Disabilità Intellettiva, Disturbo di Coordinazione Motoria, Disturbo dell’Attenzione). Modulo 2: Laboratorio d psicologia dei disturbi evolutivi nella prima infanzia 1. Favorire l’utilizzo concreto delle conoscenze apprese all’interno del modulo di Psicologia dei disturbi evolutivi nella prima infanzia; 2. Promuovere la capacità di applicazione delle conoscenze acquisite in merito ai disturbi dello sviluppo nella prima infanzia in diversi contesti educativi. 3. Promuovere la capacità di applicazione delle conoscenze acquisite in riferimento allo sviluppo linguistico, cognitivo e socio-emotivo ai fini della progettazione educativa. Modulo 3: Processi cognitivi nella prima infanzia 1. - Conoscere e comprendere le principali teorie che spiegano i diversi processi di sviluppo cognitivo nella prima infanzia e i relativi metodi di ricerca. 2. Conoscere e comprendere i meccanismi e i processi che nella prima infanzia possono favorire e potenziare i percorsi di sviluppo cognitivo nei diversi contesti. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Modulo1: Psicologia dei disturbi evolutivi nella prima infanzia 1. Promuovere la capacità di utilizzare le diverse conoscenze per attuare specifici interventi educativi che favoriscano la promozione dello sviluppo e i processi di integrazione scolastica e sociale. 2. Far acquisire conoscenze relative a metodologie osservative e di valutazione del rischio di sviluppo. 3. Far acquisire competenze relative a metodologie e strategie efficaci nell’azione educativa con soggetti con difficoltà/disturbo del neurosviluppo. Modulo 2: Laboratorio d psicologia dei disturbi evolutivi specifici nella prima infanzia 1. Analizzare e scegliere gli strumenti più adeguati per osservare e valutare lo sviluppo del bambino con atipie evolutive, ai fini della progettazione educativa nella prima infanzia. 2. Progettare interventi di potenziamento di alcune competenze e percorsi inclusivi nei contesti educativi. Modulo 3: Processi cognitivi nella prima infanzia 1. Osservare il comportamento e le competenze cognitive di un bambino nella prima infanzia in uno specifico contesto e individuare i fattori ambientali facilitanti. 2. Prendere in considerazione la relazione bidirezionale tra caratteristiche del bambino (fattori individuali e competenze) e caratteristiche del contesto (fattori familiari, sociali e culturali) per comprendere le differenze individuali nello sviluppo cognitivo, individuando i fattori di rischio. 3. Utilizzare le conoscenze acquisite per analizzare eventuali fragilità nello sviluppo cognitivo e progettare percorsi educativi personalizzati.

Programma

Il contenuto del corso riguarderà: 1) Introduzione. Principali problematiche teoriche, epistemologiche, metodologiche ed applicative relative ai disturbi evolutivi nella fascia 0-3 anni. 2) Fattori individuali, cognitivi, relazionali, socio-emotivi, motivazionali nello sviluppo del linguaggio e dell'apprendimento del bambino.
 3) Ritardi e disturbi del linguaggio. Definizione, classificazione, principali modelli teorici di riferimento. Disturbi del Linguaggio. Procedure osservative nei contesti familiari e scolastici. Indici di rischio e strategie precoci di potenziamento. Interventi precoci di supporto con genitori ed educatori. 4) Linguaggio e comunicazione nella Disabilità Intellettiva, nella Disabilità sensoriale, nei Disturbi dello Spettro Autistico, nei Disturbi di Coordinazione Motoria, nei Disturbi di Attenzione. 5) Cenni di prassi clinica ed interventi di rete a supporto delle famiglie e dei bambini nella fascia 0-3 anni.
Interventi educativi e progettazione in ambito educativo.
Modulo 2: Nel corso del Laboratorio si intende sviluppare il seguente programma:
1. Analizzare e scegliere gli strumenti più adeguati per osservare e valutare lo sviluppo del bambino con atipie evolutive, ai fini della progettazione educativa nella prima infanzia. 2. Progettare interventi di potenziamento di alcune competenze e percorsi inclusivi nei contesti educativi. 3. Discutere casi di disabilità cognitiva e sensoriale; Ritardi/Disturbi del linguaggio; ADHD e Disturbo dello spettro autistico; 4 Analizzare prerequisiti e indicatori precoci di ritardi e difficoltà; 5. Programmare interventi precoci di supporto per famiglie ed educatrici. L’attività di laboratorio prevede l’utilizzo di strategie didattiche attive, basate su apprendimento collaborativo, problem solving e discussione tra pari. Si prevede un coinvolgimento attivo degli studenti in discussioni e in lavoro a piccoli gruppi con un approccio laboratoriale con la supervisione da parte del docente e di un tutor, al fine di favorire una riflessione critica sui temi affrontati.

Modalità d'esame

Obiettivi e contenuti: Gli studenti dovranno dimostrare di: aver compreso i principali riferimenti teorico-metodologici nell’ambito della disabilità e dei bisogni educativi speciali e le loro applicazioni nella prima infanzia;
 aver compreso le tappe e i processi relativi allo sviluppo del bambino tipico e atipico e alla dimensione educativa nella prima infanzia
- essere in grado di applicare le conoscenze e competenze ai fini della progettazione in ambito educativo nello sviluppo tipico e atipico nella prima infanzia;
 essere in grado di esporre le proprie argomentazioni con un linguaggio adeguato, identificando e selezionando in maniera critica gli elementi concettuali e metodologici;
 saper analizzare criticamente i casi di studio e le esperienze discusse e utilizzare le fonti bibliografiche in maniera adeguata.

Modalità e valutazione: Verrà proposto un esame scritto con quattro quesiti aperti. Ogni quesito verrà valutato con un voto in trentesimi, il voto finale dell’esame sarà la media delle valutazioni parziali. La valutazione terràconto di quattro dimensioni: conoscenza dei contenuti teorici (25%); capacità di utilizzare un linguaggio adeguato ai contenuti studiati (25%); conoscenza delle metodologie e strumenti adeguati nelle diverse tematiche (25%); capacità di rielaborazione critica dei contenuti studiati (25%).
Module 2: L’attività di laboratorio prevede l’elaborazione di un progetto. Le modalità di svolgimento del progetto saranno comunicate durante il laboratorio stesso.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Caselli, M.C., & Capirci, O. (a cura di) Indici di rischio nel primo sviluppo del linguaggio 2002
Bonifacio, S. & Zmarich, C. L'intervento precoce nel ritardo di linguaggio. Il modello INTERACT per il bambino parlatore tardivo. Milano: Franco angeli 2010
Valentina Pennazio ll nido d'infanzia come contesto inclusivo. Progettazione e continuità dell'intervento educativo per il bambino con disabilità nei servizi educativi per l'infanzia Franco Angeli 2017
Zanobini, M. & Usai, M.C. Psicologia della disabilità e dei disturbi dello sviluppo (Edizione 7) Milano: Franco Angeli 2011
Vicari, S. & Caselli, M.C. Neuropsicologia dell'età evolutiva Bologna: Il Mulino 2017
Macchi Cassia, V., Valenza, E., & Simion, F. Lo sviluppo della mente umana. Dalle teorie classiche ai nuovi orientamenti. Il Mulino 2012 Capitoli I, II, III, IV, V, VII, IX