Storia della filosofia 2 - MODULO I (2019/2020)

Codice insegnamento
4S007315
Docente
Laura Anna Macor
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/06 - STORIA DELLA FILOSOFIA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1A dal 23-set-2019 al 31-ott-2019.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso intende fornire un’introduzione alla storia della filosofia moderna e alla sua terminologia, con particolare attenzione al confronto critico con i testi più significativi così come ai problemi e ai concetti che vi emergono.

I risultati di apprendimento attesi sono:

- Conoscenze:
1) Conoscenza e capacità di comprensione dei contesti filosofici della modernità (contesti storico-culturali, tradizioni filosofiche);
2) Conoscenza e capacità di comprensione delle teorie dei maggiori autori della storia della filosofia moderna;
3) Conoscenza e capacità di comprensione del lessico filosofico sviluppato in età moderna.

- Abilità:
1) Applicazione delle conoscenze e della capacità di comprensione acquisite alla lettura critica e al commento dei testi filosofici, possibilmente in originale o comunque con riferimenti all’originale, testimoniata dall’acquisizione di un lessico appropriato e dalla capacità di individuare problemi interpretativi e proporre possibili soluzioni;
2) Sviluppo di autonomia di giudizio e capacità di ragionamento indipendente;
3) Acquisizione di abilità comunicative, declinate anche a seconda del destinatario, nelle seguenti attività: partecipare a discussioni guidate, esporre le proprie idee e difenderle con argomenti, ed eventualmente presentare brevi elaborati/relazioni;
4) Sviluppo di capacità di apprendimento autonomo attraverso una metodologia appropriata di studio e interpretazione sia di testi che di contesti;
5) Sviluppo della capacità di mettere in relazione i risultati dello studio con la propria esperienza personale e con l’attualità, con particolare attenzione alla presa di coscienza del divario esistente tra situazioni e contesti storicamente differenti.

Programma

PREREQUISITI: Conoscenza della storia della filosofia antica e medievale.

CONTENUTO DEL CORSO: Il pensiero di Kant: etica e illuminismo.

Il corso sarà articolato in quattro parti:
1) Introduzione alla storia della filosofia dell’età moderna (XV-XVIII sec.): percorsi trasversali (p. es. tolleranza religiosa, la nozione di “pregiudizio”, critica al principio di autorità);
2) Introduzione all’illuminismo tedesco (Aufklärung): caratteristiche storico-culturali, periodizzazione, autori principali (p. es. Chr. Wolff, G. F. Meier, G. E. Lessing, M. Mendelssohn) e concetti fondamentali (illuminismo/rischiaramento: Aufklärung; pensiero autonomo: Selbstdenken; maggiore età: Mündigkeit; pregiudizio: Vorurteil; destinazione dell’uomo: Bestimmung des Menschen; universale ragione umana: allgemeine Menschenvernunft; perfettibilità: Perfektibilität/Vervollkommnung);
3) Introduzione al pensiero di Kant: corpus, terminologia e tesi principali, con una speciale attenzione per l’etica e i suoi concetti fondamentali;
4) Lettura e commento del saggio di Kant Risposta alla domanda: che cos’è illuminismo? (1784).

METODI DIDATTICI: Il corso alternerà lezioni frontali a discussioni guidate dalla docente al fine di permettere agli studenti di acquisire sia le conoscenze che le abilità enunciate negli obiettivi formativi. È inoltre prevista la possibilità di preparare brevi relazioni (opzionali) su temi precedentemente concordati e di presentarle in classe. La pluralità di vie didattiche è pensata in funzione dello studente, a cui verrà fornito uno spettro quanto più ampio possibile di opportunità di apprendimento.


TESTI DI RIFERIMENTO (OBBLIGATORI):

1) G. Cambiano e M. Mori, Tempi del pensiero. Storia e antologia della filosofia, 2. Età moderna, Laterza, Roma – Bari 2012 (o altra edizione), capp. 1-15 oppure G. Belgioioso, Storia della filosofia moderna, Le Monnier-Mondadori, Firenze – Milano 2018, capp. 1-22 (o altro manuale da concordare con la docente);

2) Materiale didattico caricato sulla piattaforma e-learning;

3) I. Kant, Fondazione della metafisica dei costumi, traduzione e introduzione di F. Gonnelli, Laterza, Bari 1997 (o altra ristampa/edizione);

4) I. Kant, Risposta alla domanda: che cos’è l’illuminismo?, a cura di M. Bensi, Postfazione di A. M. Iacono, ETS, Pisa 2013, oppure in I. Kant, Scritti sul criticismo, a cura di G. De Flaviis, Laterza, Roma-Bari 1991, pp. 5-12, oppure in Che cos’è l’illuminismo? I testi e la genealogia del concetto, Introduzione e cura di A. Tagliapietra, Traduzioni di S. Manzoni ed E. Tetamo, Mondadori, Milano 2010 (2000), pp. 16-41.


MATERIALE DIDATTICO: Materiale didattico aggiuntivo, parte integrante del programma obbligatorio d’esame, sarà caricato sulla piattaforma e-learning.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
A. Tagliapietra (a cura di) Che cos'è l'illuminismo? I testi e la genealogia del concetto Bruno Mondadori 2010
I. Kant Fondazione della metafisica dei costumi Laterza 1997
G. Belgioioso Storia della filosofia moderna Le Monnier-Mondadori 2018 capp. 1-22
G. Cambiano e M. Mori Tempi del pensiero. Storia e antologia della filosofia, 2. Età moderna Laterza 2012 capp. 1-15

Modalità d'esame

Esame orale.

L’esame avrà lo scopo di accertare il raggiungimento dei duplici obiettivi formativi del corso (conoscenza/comprensione e abilità) con una particolare attenzione alla capacità di confrontare gli autori trattati, e sarà articolato come segue:
1) delineazione (autonoma) di un percorso trasversale all’interno del pensiero moderno: lo studente dovrà dimostrare il possesso di informazioni e nozioni chiave, la capacità di esporle in maniera organica e di seguirne lo sviluppo diacronico;
2) definizione di uno o più concetti filosofici appartenenti al lessico kantiano: lo studente dovrà dimostrare la capacità di formulare definizioni precise, mettendole eventualmente in connessione reciproca;
3) lettura e commento di un testo filosofico fra quelli spiegati a lezione: lo studente dovrà dimostrare l’acquisizione di un metodo solido nell’analisi dei testi e nella riflessione sulle loro implicazioni teoriche.

Ogni parte dell’esame concorre in ugual misura, quindi per 1/3, alla determinazione del voto finale. Gli studenti che avranno eventualmente presentato una breve relazione in classe saranno esentati dalla parte dell’esame corrispondente al tipo di lavoro già svolto, e la valutazione della relazione concorrerà per 1/3 alla determinazione del voto finale.

Non sono previste differenze fra gli studenti frequentanti e non frequentanti. Gli studenti non frequentanti sono comunque pregati di mettersi in contatto con la docente per avere indicazioni in particolare sulle modalità di preparazione del percorso trasversale descritto al punto 1).