Pedagogia sociale e di comunita' (2019/2020)

Codice insegnamento
4S003489
Docente
Paola Dusi
Coordinatore
Paola Dusi
crediti
9
Settore disciplinare
M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1A, Sem. 1B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Conoscere le principali teorie sul riconoscimento e sulla relazione oppresso/oppressore, riattualizzate alla luce delle forme da queste assunte nelle società contemporanee. Conoscere il ruolo fondativo della relazione riconoscitiva nei processi educativi, con particolare attenzione alle forme di misconoscimento che si manifestano in famiglia (maltrattamento e forme di negligenza familiare) e relativi modelli interpretativi. Conoscere il processo socio-storico-culturale e legislativo che ha portato alla nascita delle comunità per minori, i requisiti che una comunità per minori deve soddisfare e le competenze dell’educatore che in esse presta servizio. Saper riconoscere, individuare e analizzare forme di oppressione/misconoscimento presenti nella società contemporanea a livello macro, meso e micro. Saper riconoscere la presenza di relazioni caratterizzate da misconoscimento nei contesti educativi primari e saperne analizzarne sintomi, manifestazioni, fattori di rischio e fattori protettivi. Aver acquisito competenze comunicativo-relazionali con particolare riferimento a compiti e funzioni proprie dell’educatore in servizio presso comunità per bambini e adolescenti.

Programma


Prerequisiti
Lo/la studente/ssa, per accedere all’insegnamento, in modo proficuo, deve possedere le teorie pedagogico-educative di base. Conoscere i principali metodi e tecniche della ricerca educativa.

Lo/la studente/ssa al termine del percorso dovrà essere in grado di:

I modulo
- Acquisire consapevolezza della dimensione politica dell’esistenza. Essere soggetti agenti: l’educazione coscientizzatrice (acquisire consapevolezza delle oppressioni contemporanee).
- Acquisire i concetti fondamentali della teoria del riconoscimento: Il bisogno di essere riconosciuti - La comunità: luogo di appartenenza.

II modulo

- I luoghi del riconoscimento: la famiglia
- Conoscere i principali quadri teorico-interpretativi delle forme familiari contemporanee.
- Conoscere le principali caratteristiche dell’adolescenza oggi (es. il corpo, il senso del limite, le regole, ecc.).
- Acquisire le dimensioni fondanti la relazione riconoscitiva nei contesti educativi (famiglia, scuola, comunità per minori).
- Dalle famiglie alle comunità per minori
- Conoscere le ‘case-famiglia’

III modulo (trasversale all’intero insegnamento)
- Sviluppare competenze professionali relazionali-comunicative
- Riconoscere i principali stili comunicativi
- Conoscere il proprio stile comunicativo
- Competenze comunicative (ascolto, decentramento, riflessività)

Contenuti

- La pedagogia sociale
- Società multietniche e interconnesse
- La pedagogia ‘liberatrice’ di Freire
- Il Riconoscimento
- Il Riconoscimento in educazione
- Costellazioni di famiglie
- Gli adolescenti
- Le comunità per minori
- Le Case Famiglia
- Competenze professionali dell’educatore: abilità comunicativo-relazionali

Attività di apprendimento previste e metodologie di insegnamento

Lezioni frontali con dispositivi di supporto (slide, sequenze cinematografiche, estratti da documenti ministeriali, testi per l’approfondimento, ecc.); esercitazioni individuali (rappresentazioni e competenze personali) e di gruppo (analisi di casi, interviste, …); testimonianze di educatori e/o esperti; discussione in micro e macro gruppo.

Testi di riferimento

Parte monografica:
I modulo

1. P. Freire, Pedagogia degli oppressi, Ega, Torino, 2004.
2. P. Dusi, Il riconoscimento nei contesti educativi, F. Angeli, Milano, 2017.

Parte laboratoriale
II modulo

3. M. Saglietti, Organizzare le case famiglia. Strumenti e pratiche nelle comunità per minori. Carocci, Roma, 2012.
4. P. Dusi, Una storia esemplare ‘Parada’. Dispensa a cura della docente (piattaforma moodle)

III modulo
Non prevede testi

I testi indicati sono riferiti al programma per frequentanti e non frequentanti. Per gli studenti frequentanti verranno fornite ulteriori indicazioni e materiali per l’approfondimento delle tematiche, nel corso delle lezioni.


Materiale Didattico
L’insegnamento prevede l’uso della piattaforma moodle per caricare parte del materiale didattico (come power point; dispensa; articoli per l’approfondimento; traccia per le interviste, ecc.).

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Dusi, Paola Il riconoscimento. alle origini dell'aver cura nei contesti educativi. Franco Angeli 2016
Paulo Freire La Pedagogia degli Oppressi Ega 2002 8876704345
Marzia Saglietti Organizzare le case famiglia. Strumenti e pratiche nelle comunità per minori Carocci 2012

Modalità d'esame

Modalità d’esame

La verifica degli apprendimenti prevede due modalità:

1) verifica scritta con 5 domande strutturate e aperte concernenti i testi d’esame.

2) Elaborazione di una microricerca di gruppo (anche in formato video) avente per oggetto le competenze dell’educatore nei contesti di intervento. Tale micro-ricerca consiste in un report scritto attraverso il quale lo/a/e – gli studente/ssa/esse/i analizza/no i dati raccolti attraverso la somministrazione di interviste semistrutturate ad educatori riconosciuti quali esperti. L’elaborazione della traccia per la somministrazione delle interviste sarà oggetto di attività nel corso delle lezioni.
La micro-ricerca dovrà analizzare i dati raccolti e commentarli con il supporto delle conoscenze teoriche presentate a lezione, e dei testi d’esame e altri testi individuati ad hoc dagli studenti facenti parte del loro percorso di studi.
Il lavoro va inviato in formato file alla docente almeno 10 giorni prima della data d’esame e stampato su carta e consegnato il giorno in cui si sosterrà la prova.
Esso è composto da:
- una copertina (riportante: nome e cognome studenti, matricola, corso di laurea, titolo del lavoro, email e telefono);
- abstract ovvero breve sunto del lavoro;
- introduzione;
- analisi dei dati raccolti attraverso la somministrazione di interviste
- riflessioni conclusive;
- bibliografia;
- appendice: trascrizione integrale delle interviste.

Il testo deve essere suddiviso in paragrafi; sostenuto scientificamente da note a piè di pagina e accompagnato da bibliografia finale.
La micro-ricerca deve mostrare chiaramente che c'è stato apprendimento, attraverso la citazione dei testi indicati in bibliografia, altri testi individuati nel corso del lavoro di ricerca e la presenza di una rielaborazione personale–riflessiva riguardante: la ricerca effettuata, le lezioni, i testi d’esame.


Criteri di valutazione

La valutazione dell’esame avrà luogo in trentesimi.
- La prova scritta sarà valutata attribuendo max 20/30;
- il report verrà valutato attribuendo max 10/30;
- il voto finale è frutto della somma aritmetica tra le due prove.

I criteri per la valutazione della prova scritta riguarderanno i seguenti livelli di performance:

- congruenza, articolazione, significatività dei contenuti teorici acquisiti;
- rielaborazione personale dei contenuti nel rapporto tra teoria e pratica;
- padronanza del linguaggio specifico della disciplina;
- correttezza sintattico-grammaticale.

I criteri per la valutazione del report di ricerca saranno i seguenti:

- la modalità di conduzione delle interviste;
- la rigorosità del lavoro di analisi dei dati raccolti;
- la capacità di stabilire connessioni tra i dati raccolti e i nuclei tematici fondativi trattati sia nei testi sia a lezione,
- la rielaborazione personale dei contenuti basata sulle connessioni stabilite tra teoria e dati raccolti.


IN RELAZIONE ALLA SITUAZIONE CONSEGUENTE ALL'EMERGENZA CORONAVIRUS LE MODALITA' D'ESAME SOPRA RIPORTATE VENGONO MODIFICATE PER LA SESSIONE ESTIVA 2020, IN ACCORDO CON LE INDICAZIONI DI ATENEO COME DI SEGUITO SPECIFICATO:

LA PARTE SCRITTA DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO E' SOSTITUITA CON UNA PROVA ORALE.
LA DATA INDICATA PER GLI ESAMI DELLA SESSIONE ESTIVA A CUI UNO STUDENTE SCEGLIE DI ISCRIVERSI, CORRISPONDE AL GIORNO IN CUI SI FARA' L'APPELLO, SI CALENDARIZZERANNO I COLLOQUI ORALI SULLA BASE DEL NUMERO DEGLI ISCRITTI, E AVRANNO INIZIO GLI STESSI.