Sociologia e servizio sociale - PROGETTAZIONE INTERISTITUZIONALE (2018/2019)

Codice insegnamento
4S007412
Docente
Marta Pantalone
crediti
3
Settore disciplinare
SPS/07 - SOCIOLOGIA GENERALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 2A dal 18-feb-2019 al 30-mar-2019.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Coerentemente con gli obiettivi del corso di studi, l’insegnamento si propone di fornire le basi concettuali, metodologiche e culturali necessarie per operare in ambiti complessi, con particolare riferimento alla progettazione e all’organizzazione di interventi e politiche sociali.

OBIETTIVI GENERALI
Conoscenza e comprensione
* conoscenze per progettazione, organizzazione e valutazione di interventi nell'ambito di politiche sociali
* conoscenze di co-progettazione e negoziazione con diversi attori e nell'ambito del sistema degli accreditamenti di eccellenza
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
* padronanza nell'uso di strumenti di raccolta dati e informazioni
* capacità di progettazione socio-economica.

OBIETTIVI SPECIFICI
* evidenziare gli elementi di scenario che rendono necessaria una programmazione innovativa nei servizi socio-sanitari a livello locale;
* legare le competenze programmatorie all’operatività del servizio sociale professionale;
* acquisire metodi per la creazione e la gestione di progetti sociali sostenibili e capacitanti;
* acquisire strumentazioni e tecniche qualitative e quantitative per la costruzione e la gestione di progetti sociali.

Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà essere in grado di tradurre le logiche di programmazione nell’attività concreta del servizio sociale, in particolare
- analizzare le caratteristiche dei contesti (organizzativi, sociali e culturali) entro i quali avviene la realizzazione di piani e progetti
- pianificare il percorso di costruzione di un progetto interistituzionale concertato tra più enti/attori del territorio
- identificare, per ciascuna fase del percorso di progettazione, i contenuti specifici, le modalità di esecuzione di specifiche azioni e il coordinamento degli attori.

Programma

La riforma dell'assistenza vede nella programmazione lo strumento fondamentale per il governo delle politiche sociali e socio-sanitarie territoriali. Nell’ultimo decennio, il lavoro degli assistenti sociali è stato investito da vari fattori di complessità:
- la trasformazione dei sistemi di welfare, caratterizzati dalla compresenza di reti di attori (pubblici e privati) orientati da valori e interessi talvolta in conflitto fra loro;
- la multidimensionalità dei problemi sociali che vedono nei piani e nei progetti strumenti d'integrazione delle politiche per il benessere (rapporti con il privato sociale, integrazione fra sociale e sanitario, welfare aziendale, municipale e comunitario, etc).
- la comparsa di problematiche di particolare urgenza sociale (es. migrazioni, disastri ambientali, trasformazioni della famiglia e nuove di marginalità, nuove forme di dipendenza, etc.), estranee ai codici delle politiche tradizionali.
Questi nuovi scenari esigono dei ripensamenti nella formazione avanzata dell'assistente sociale, che costituiranno anche i contenuti del corso. Essi si riferiscono:
- alle metodologie di lettura delle problematiche della complessità (uso di indicatori per la programmazione e la valutazione);
- ai metodi e le tecniche di progettazione che possono sostenere l'innovazione negli interventi sociali (logiche di rete; valutazione di impatto; co-costruzione di senso tra stakeholders);
- le modalità attraverso le quali la progettazione diventa una competenza centrale avanzata del servizio sociale professionale (funzioni di coordinamento della rete, case management, tecniche di reporting, tecniche di fundraising).

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Leone L. e Prezza M. Costruire e valutare i progetti nel sociale FrancoAngeli 1999 Capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 7
Plebani E.M. e Lorenzi A. Ideare e gestire progetti nel sociale 2009 BIBLIOGRAFIA DI SUPPORTO: scaricabile all'indirizzo http://www.csvrovigo.it/sites/default/files/uploads/Ideare%20e%20gestire%20progetti%20nel%20sociale_Plebani_ridotto.pdf
Bertin G. La governance “ibrida” 2009 in Studi di sociologia, 3 (2009), pp. 249-280
Campanini A.M. Nuovo dizionario di servizio sociale Carocci 2013 BIBLIOGRAFIA DI SUPPORTO: Voci: Governance, Piano di zona, Piano per la salute, Progetto, Indicatore
AA.VV. Project Cycle Management. Manuale per la formazione 2002 MATERIALE DI SUPPORTO: scaricabile all’indirizzo http://focus.formez.it/content/project-cycle-management-manuale-formazione-2002-strumenti-formez-roma
AA.VV. Prospettive di valutazione dialogica, Spunti 2003 MATERIALE DI SUPPORTO: scaricabile all’indirizzo http://www.studioaps.it/rivista-spunti/79-spunti-7.html

Modalità d'esame

Le modalità d’esame di questo modulo sono analoghe a quelle degli altri due moduli dell’insegnamento (Ricerca e valutazione sui servizi, prof.ssa Lonardi; Progettazione e valutazione dei servizi, prof. Niero), mirando a privilegiarne la continuità e la coerenza.
Pertanto:
- L’esame di questo, come di ciascuno degli altri moduli, sarà composto da: a) una prova scritta (1-2 domande aperte) per la parte teorica; b) un progetto/protocollo costruito dallo studente per l’esercitazione pratica secondo le indicazioni del docente;
- La prova scritta avrà luogo nelle stesse date e aule contemporaneamente per tutti e tre i moduli, tramite un form unico;
- I protocolli della prova pratica, che lo studente recapiterà tramite e-mail, verranno valutati dal docente del modulo per la parte specifica e, successivamente, in modo collegiale per l’intero lavoro;
- Il voto complessivo di ciascun modulo sarà costituito dalla media fra il voto dello scritto e quello ottenuto sul protocollo della prova pratica; la media ponderata in trentesimi dei voti ottenuti sui tre moduli verrà verbalizzata sul libretto elettronico come voto complessivo dell’insegnamento.

Prova scritta dei tre moduli e valutazione dei tre protocolli dovranno essere superati dallo studente entro la stessa sessione di esami. Nel caso lo studente non ottenesse una valutazione sufficiente in uno dei tre moduli, dovrà rifare la prova scritta di tutti e tre all’appello successivo della stessa sessione, o in un’altra sessione.

I tre protocolli della prova pratica dovranno essere fatti pervenire ai docenti durante (e non oltre) la scadenza della sessione all’interno della quale lo studente sosterrà la prova scritta.

Gli studenti che sosterranno la prova scritta nella prima sessione di questo AA (giugno 2019) potranno consegnare e fare valutare i propri protocolli anche (ma non oltre) la sessione autunnale mantenendo valido il voto conseguito nella sessione estiva. Nel caso ciò non avvenisse, alla prima sessione utile (in questo caso gennaio/febbraio 2020), lo studente dovrà rifare la prova scritta.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018