Teorie e metodi della didattica (2018/2019)

Codice insegnamento
4S006149
Docenti
Giuseppe Tacconi, Roberta Silva
Coordinatore
Giuseppe Tacconi
crediti
8
Settore disciplinare
M-PED/03 - DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1A, Sem. 1B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Al termine del PRIMO MODULO di questo insegnamento (prof. Tacconi), gli studenti e le studentesse, in riferimento al proprio contesto di elezione (scuola dell’infanzia o scuola primaria) dovranno essere in grado di:
- conoscere e comprendere i fondamenti epistemologici della didattica e le principali aree di cui essa si occupa (progettazione del curricolo, strategie di insegnamento, gestione della classe, valutazione);
- conoscere e comprendere nel loro sviluppo le indicazioni nazionali del primo ciclo;
- conoscere e utilizzare le principali metodologie di progettazione didattica, con particolare attenzione alla progettazione per competenze;
- analizzare e distinguere i principali metodi di insegnamento-apprendimento nella scuola dell’infanzia e/o primaria, con particolare attenzione ai metodi attivi e all’uso delle tecnologie;
- comprendere i diversi approcci alla valutazione degli apprendimenti;
- individuare possibili interventi per una gestione positiva della classe;
- comunicare in modo chiaro a diversi interlocutori le conoscenze apprese e le riflessioni maturate;
- riflettere criticamente, problematizzandoli, sugli elementi conoscitivi appresi, anche in relazione alla specificità delle caratteristiche ed esigenze di bambini e bambine della scuola dell’infanzia e della scuola primaria;
- riflettere sulle principali metodologie di ricerca empirica a sostegno del miglioramento della qualità dei processi educativi, con particolare attenzione alla ricerca qualitativa;
- riflettere sul percorso effettuato e individuare strategie di miglioramento del proprio apprendimento sui temi del corso.

Gli obiettivi del SECONDO MODULO (prof.ssa Silva) di questo insegnamento sono i seguenti:
Conoscenza e capacità di comprensione
Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
• conoscere le strategie e metodologie didattiche, con particolare riferimento alle metodologie esperienziali
• conoscere le metodologie e le strategie per la gestione della classe
Conoscenza e capacità di comprensione applicata
Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
• saper presentare in modo efficace e organico le conoscenze acquisite
• saper individuare e saper argomentare i collegamenti organico le conoscenze acquisite
• saper utilizzare le conoscenze acquisite all’interno della loro pratica professionale
Autonomia di giudizio
Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno dimostrare di saper riflettere criticamente, problematizzandoli, attorno agli elementi conoscitivi appresi, considerando la specificità delle caratteristiche ed esigenze di bambini e bambine della scuola dell’infanzia e della scuola primaria.
Abilità comunicative
Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno dimostrare di aver compreso la particolarità dei codici comunicativi che si possono utilmente adottare nella dell’infanzia e nella scuola primaria.
Capacità di apprendere
Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno dimostrare di aver acquisito la capacità di aggiornamento continuo rispetto alle teorie e le pratiche d’insegnamento nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria.

Programma

Il percorso del primo Modulo (prof. Tacconi) svilupperà i seguenti nuclei tematici:
La didattica
- definizione di didattica,
- fondamenti epistemologici e metodologici della didattica,
- la postura dell’insegnante e l’attenzione privilegiata nei confronti dei soggetti con maggiori difficoltà,
- expertise del docente, ricerca didattica e processi di innovazione,
- l’evidence based education,
- la ricerca sull’analisi delle pratiche di insegnamento.
La progettazione dell’azione didattica
- i vari livelli della progettazione,
- il riferimento alle Indicazioni nazionali per progettare,
- la progettazione per competenze: un modello operativo per progettare per competenze nelle prime fasi della scolarità.
Le strategie didattiche
- fattori che influenzano l’apprendimento,
- strategie didattiche direttive e strategie didattiche attive,
- la didattica per competenze nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria,
- tecnologie didattiche per facilitare l’apprendimento.
La gestione della classe
- il gruppo classe,
- il clima di classe,
- il classroom management,
- la gestione delle situazioni probematiche.
La valutazione
- valutazione degli apprendimenti, valutazione di processo e valutazione di sistema,
- valutazione formativa e valutazione sommativa,
- la valutazione per l’apprendimento e la gestione del feedback come strategia valutativa,
- valutare l’acquisizione di competenze.

Bibliografia per l’esame
Calvani, A. (2014). Come fare una lezione efficace. Roma: Carocci.
Corlazzoli, A. (2013). Tutti in classe. Un maestro di scuola racconta. Torino: Einaudi.
Stella, G., & Zoppello M. (2018). Nessuno è somaro. Storie di scolari, genitori e insegnanti. Bologna: il Mulino.
Tacconi, G. (2015). Didattica generale. Note introduttive. Dispensa del docente inserita in rete, nello spazio online dedicato al corso.

Il secondo modulo (prof. Silva) prevede:
Contenuti su cui verterà il modulo:
• le strategie e metodologie didattiche con particolar riferimento alle metodologie esperienziali
• le strategie e metodologie per la gestione della classe
Pre-requisiti
Conoscenza della Storia della pedagogia e della scuola.
Metodi didattici
Lezioni frontali, insegnamento/apprendimento cooperativo in gruppo. Impiego di strumenti e dispositivi formativi con il supporto della tecnologia: prodotti digitali, videoproiezioni di filmati riguardanti la didattica nella scuola primaria e successivi lavori di commento/analisi.
Programma
Il programma d’esame verterà su alcuni articoli scientifici che verranno definiti nel corso delle lezioni.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Calvani, A. Come fare una lezione efficace Carocci 2014
Stella G., Zoppello M. Nessuno è somaro. Storie di scolari, genitori e insegnanti il Mulino 2018
Corlazzoli, A. Tutti in classe. Un maestro di scuola racconta Einaudi 2013

Modalità d'esame

La valutazione relativa al primo modulo (prof. Tacconi) avverrà attraverso
una PROVA SCRITTA della durata di due ore, costituita da:
- 8 quesiti da 1 punto (le risposte saranno valutate 0 punti, se non espresse o inesatte, 0,5, se in parte corrette, 1 punto, se corrette).
- 2 quesiti da 2 punti (le risposte saranno valutate 0 punti, se non espresse o inesatte, fino a 1,5 punti, se corrette solo in parte, 2 punti se corrette).
- 2 domande di conoscenza aperte; le risposte a ciascuna domanda saranno valutate con 3 punti (risposta corretta che, pur mantenendosi all’interno dello spazio dato, risulta efficace-mente argomentata e supportata da riferimenti espliciti ai testi), 2 punti (risposta corretta con argomenti essenziali e alcuni riferimenti ai testi) oppure 1 punto (risposta parziale con argomenti essenziali e scarsi riferimenti ai testi)
- 1 domanda di comprensione profonda: la risposta sarà valutata positivamente se, pur nei limiti indicati, consentirà di evidenziare collegamenti tra i vari argomenti affrontati e/o tra questi e concreti contesti didattici, riflettere idee personali approfondite e articolare un pen-siero critico originale (fino a 8 punti).
- 1 domanda di meta-riflessione: sarà valutata positivamente una risposta che, pur nei limiti indicati, evidenzi consapevolezza rispetto al percorso e/o ai processi messi in atto nello studio (fino a 4 punti).

Modalità di verifica degli apprendimenti del secondo Modulo (prof. Silva).
Come output del lavoro di gruppo che verrà svolto in aula a ogni studente verrà chiesto di produrre un elaborato che, seguendo le norme delle pubblicazioni scientifiche, presenti una delle tecniche e strategie approfondite. Attraverso una distribuzione random ogni elaborato verrà inviato (in forma anonima) a due studenti, che saranno chiamati a stendere una scheda di peer review (valutazione tra pari) sull’elaborato ricevuto.
Alla valutazione finale di ogni studente concorrerà: a) la valutazione dell’elaborato da parte del docente; b) la valutazione della scheda di peer review che lo studente ha steso; c) il feedback finale raccolto attraverso verifica scritta.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018