Sociologia e servizio sociale II - VALUTAZIONE DI SERVIZIO SOCIALE (2016/2017)

Codice insegnamento
4S000955
Docente
Elisabetta Neve
crediti
3
Settore disciplinare
SPS/07 - SOCIOLOGIA GENERALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. IIA dal 27-feb-2017 al 22-apr-2017.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Sem. IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
venerdì 11.00 - 13.30 lezione Aula E  

Obiettivi formativi

Il corso ha lo scopo di far acquisire modalità, strumenti, strategie di valutazione del lavoro professionale di Servizio Sociale nei servizi. Si prenderà in considerazione sia la valutazione di processo che quella di esito degli interventi. La trasmissione di contenuti teorici sarà accompagnata da momenti di collegamento con l’esperienza di tirocinio professionale, al fine di far acquisire capacità di riconoscimento e gestione di strumenti di valutazione degli interventi in situazioni di realtà all’interno dei servizi. Per una migliore assimilazione degli strumenti della valutazione professionale verranno proposte delle esercitazioni in aula, individualmente e in piccoli gruppi.

Programma

– la valutazione professionale: significato e funzioni nell’ambito del Servizio Sociale;
– motivazioni etiche e deontologiche della valutazione professionale;
– diversi tipi e condizioni tecniche della valutazione professionale;
– il processo di valutazione e la valutazione di processo;
– la valutazione di esito e le condizioni di efficacia;
– metodologia e strumenti della valutazione: dalla valutazione della situazione di bisogno, alla definizione degli obiettivi di intervento, alla valutazione degli esiti;
– la valutazione nel lavoro integrato (interprofessionale e inter-organizzativo);
– la valutazione nella prospettiva di “welfare generativo”.
Bibliografia per frequentanti:
Campanini A. (2006), Premessa e cap. 1 “La valutazione nel servizio sociale”, in Campanini A. (a cura di), La valutazione nel servizio sociale. Proposte e strumenti per la qualità dell’intervento professionale, Carocci, Roma (pagg. 11-38).
Fargion S. (2013), cap. 3 “Il processo di valutazione: costruire visioni condivise”, in Fargion S., Il metodo del servizio sociale. Riflessioni, casi, ricerche, Carocci, Roma. Escludere i paragrafi: 3.1, 3.6, 3.9.
Neve E. (2015), “Le professioni sociali in un welfare generativo. Quale contributo?”, in Studi Zancan, n. 3.
Vecchiato T. (2012), “Welfare generativo: da costo a investimento”, in Fondazione E. Zancan, Vincere la povertà con un welfare generativo, Il Mulino, Bologna (pagg. 81-101, con particolare riferimento al par. 5).
Vecchiato T., Bezze M., Canali C., Neve E., Pompei A., (2009), “La valutazione dei soggetti e delle risorse nello spazio di vita”, in Studi Zancan, n. 6.

Bibliografia obbligatoria per non frequentanti
Ai testi indicati sopra vanno aggiunti:
Fargion S. (2006), “Valutare il servizio sociale con metodologie qualitative”, (cap. 5), in Campanini A. (a cura di), La valutazione nel servizio sociale. Proposte e strumenti per la qualità dell’intervento professionale, Carocci, Roma.
Neve E. (2010), “Rischi e timori di tecnicismo nell’uso di strumenti di valutazione professionale”, in Studi Zancan, n. 6.
Sicora A. (2008), “Motivazioni e finalità della valutazione nel servizio sociale”, in Studi Zancan, n. 1.


Modalità d'esame

L’esame consisterà in un colloquio inerente il programma del corso, con possibilità per lo studente di portare esempi di valutazione ricavati dal tirocinio professionale.

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017