Filosofia dell'arte e della musica (m) (2015/2016)

Codice insegnamento
4S003317
Docente
Markus Georg Ophaelders
Coordinatore
Markus Georg Ophaelders
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/04 - ESTETICA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. IIA dal 22-feb-2016 al 24-apr-2016.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Esame approfondito e riflessione critica sulle tematiche trattate.

Programma

Contenuto del corso:

Il carattere di feticcio della merce e le arti

Durante le lezioni verranno lette, commentate e discusse alcune delle opere più importanti e incisive della tradizione hegelo-marxista europea per attualizzare una riflessione vigorosa sul problema attuale della crisi della cultura. La domanda chiave del corso è: Perché cultura? Quale può essere la sua importanza all’interno di un mondo alienato, reificato, regressivo e, in fondo, feticizzato a causa di una forma di produzione di ricchezza, quale l’attuale capitalismo globale. Negli ultimi 25 anni tale sistema economico ha invaso e pervertito capillarmente anche la cultura e la formazione tanto da trattare ogni fenomeno come merce. I testi proposti possono fornire importanti concetti e spunti teoretici per confrontarsi criticamente con la situazione attuale.


Bibliografia:

- Karl Marx, Il Capitale. Critica dell’economia politica, vol. 1, a cura di D. Cantinori, Editori Riuniti, Roma 1974, 1° capitolo, pp. 65-115, in particolare il sottocapitolo 1.4 Il carattere di feticcio della merce;
- György Lukács, Storia e coscienza di classe, trad. it. di G. Piana, Mondatori, Milano 1973, La reificazione e la coscienza del proletariato, pp. 107-276;
- Max Horkheimer, Theodor W. Adorno, Dialettica dell’illuminismo, trad. it. di R. Solmi, Einaudi, Torino 1997, pp. 3-50
- Theodor W. Adorno, Il carattere di feticcio e la regressione dell’ascolto, in Dissonanze, a cura di G. Manzoni, Feltrinelli, Milano 1979, pp. 7-51;
- Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, in Aura e choc, a cura di A. Pinotti e A. Somaini, Einaudi, Torino 2012, pp. 5-73.

I testi sono scaricabili dall’indirizzo https://www.dropbox.com/sh/fywa1a75sf75mm5/AACWf3d5MNxsGjW-oVZZCNd7a?dl=0



Dal momento che i testi presi in esame presentano difficoltà non indifferenti, si consiglia la frequenza delle lezioni.




Durante le lezioni verranno date ulteriori indicazioni bibliografiche.

Metodi didattici:
Il corso si struttura in prevalenza attraverso lezioni frontali e letture dai testi di riferimento, che verranno intervallate da discussioni su alcune delle tematiche di maggiore interesse.

Modalità d'esame

L’esame consiste in un colloquio orale con il docente.

Opinione studenti frequentanti - 2015/2016