Filosofia del linguaggio FI (p) (2015/2016)

Codice insegnamento
4S02153
Docente
Tommaso Tuppini
Coordinatore
Tommaso Tuppini
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/05 - FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. IA dal 28-set-2015 al 8-nov-2015.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

L'espressione "filosofia del linguaggio" è un sintagma particolarmente problematico. Che cosa significa fare una "filosofia del linguaggio", se la filosofia si serve proprio del linguaggio come strumento per produrre concetti? E dunque: in che modo la filosofia può ridurre a oggetto una parte importante del gesto che la pone in essere? E che cosa "dice" il linguaggio? Esiste davvero qualcosa come una "filosofia del linguaggio"?

Programma

E' POSSIBILE DIRE CIO' CHE ACCADE?

Nella vita di tutti i giorni accadono un sacco di cose: ci svegliamo la mattina, usciamo per una passeggiata, andiamo al lavoro, ci annoiamo, ci entusiasmiamo, ci innamoriamo, ci addormentiamo... Certe cose riusciamo a dirle, e spesso a dirle bene, cioè sembra che il linguaggio sia uno strumento adeguato per dare forma e durata a quello che accade. Altre volte invece sembra che le parole non bastino, perché quello che accade sfugge alla presa del linguaggio e dunque anche a quella del concetto. Ma accade ancora qualcosa quando non ci sono le parole per dirlo? "Non c'è cosa, là dove la parola manca", così scrive il poeta Stefan George. Aveva ragione oppure no? C'è qualche cosa come un accadimento indicibile? L'evento e il mondo si sottraggono oppure no al linguaggio? L’esperienza in cui il mondo che accade sembra essere perfettamente adeguato a ciò che ne comprendiamo è quella dell’arte. La testimonianza più drammatica di un'esistenza che, invece, non ha più alcuna presa sulle cose è quella del suicidio. Dalla polarità assoluta e inconciliabile, arte/suicidio, prenderà le mosse il corso.

Bibliografia:

- M. HEIDEGGER, "L'origine dell'opera d'arte", in "Sentieri interrotti", La Nuova Italia, Firenze 1999
- J. DERRIDA, "Psyché. Invenzioni dell'altro", in ""Psyché. Invenzioni dell'altro, vol. 1", Jaca Book, Milano 2008
- S. ŽIŽEK, "Evento", UTET, Torino 2014
- P. DRIEU LA ROCHELLE, "Fuoco fatuo", SE, Milano 2002
- L. VON TRIER, Melancholia, Danimarca-Germania-Francia-Svezia-Italia 2011 (film)

Saranno disponibili in formato PDF su questa pagina i saggi di Heidegger e di Derrida. Gli altri libri vanno acquistati al più presto e portati a lezione.

Il giovedì in aula Zorzi B dalle 15,40 alle 17,20 il dott. Pier Alberto Porceddu Cilione terrà un seminario sui "Contributi alla filosofia" di M. Heidegger. I materiali da studiare e discutere duranti gl'incontri verranno messi a disposizione di volta in volta come file PDF su questa pagina.

Modalità d'esame

Esame orale sui testi in bibliografia

Materiale didattico

Documenti

Opinione studenti frequentanti - 2015/2016