Estetica (m) (2012/2013)

Codice insegnamento
4S02296
Docente
Markus Georg Ophaelders
Coordinatore
Markus Georg Ophaelders
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/04 - ESTETICA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Semestrino IIA, Semestrino IIB

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Esame approfondito e riflessione critica sulle tematiche trattate negli scritti di Benjamin, Hölderlin e Novalis

Programma

Prerequisiti: Nessuno.

Il corso verte intorno al concetto di rivoluzione così come lo ha sviluppato una parte dell’intellighenzia di lingua tedesca di fronte al grande avvenimento della Rivoluzione francese, ma anche rispetto al suo fallimento. Verrà, in primo luogo, chiarito il fondamento filosofico del romanticismo tedesco riassunto da Benjamin nel concetto di “medium di riflessione” nonché, brevemente, la contrapposizione tra i romantici e Goethe. I romanzi di Novalis saranno analizzati come realizzazione sia delle riflessioni benjaminiane sia dell’estetica dello stesso Novalis riportata in parte nel Saggio introduttivo ai Discepoli di Sais (a cura di A. Reale). In seguito verrà analizzato il breve frammento dal titolo di Il più antico programma dell’idealismo tedesco per individuare i momenti filosofici e rivoluzionari dai quali nascono i testi letterari di Hölderlin. In particolare Iperione, ma anche La morte di Empedocle costituiranno il fondamento per una riflessione sul carattere rivoluzionario del movimento romantico, prima avanguardia europea. Gli Scritti di estetica di Hölderlin serviranno da corollario alla lettura soprattutto della sua tragedia.

Testi di riferimento:
- Walter Benjamin, Il concetto di critica nel romanticismo tedesco, Einaudi, Torino 1982, pp. 4-116.
- Novalis, I giovani di Sais, a cura di Alberto Reale, Bompiani, Milano 2001.
- Novalis, Enrico di Ofterdingen, a cura di Tommaso Landolfi, Guanda, Parma 1986.
- Hegel (?), Schelling (?), Hölderlin (?), Il più antico programma di sistema dell’idealismo tedesco, a cura di L. Amoroso, ETS, Pisa 2007.
- Friedrich Hölderlin, Iperione, a cura di Giovanni Vittorio Amoretti, Feltrinelli, Milano 18987.
- Friedrich Hölderlin, La morte di Empedocle, a cura di Ervino Pocar, Garzanti, Milano 1998.
- Friedrich Hölderlin, Scritti di estetica, a cura di Riccardo Ruschi, SE, Milano 1996.

Metodi didattici: Il corso si struttura in prevalenza attraverso lezioni frontali e letture dai testi di riferimento, che verranno intervallate da discussioni su alcune delle tematiche di maggiore interesse.

Modalità d'esame

L’esame consiste in un colloquio orale con il docente.