Letteratura italiana moderna e contemporanea FI (i+p) (2012/2013)

Codice insegnamento
4S02140
Crediti
12
Coordinatore
Mario Allegri
Altri corsi di studio in cui è offerto
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
I MODULO PARTE (I) 6 L-FIL-LET/11-LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA Semestrino IIA Mario Allegri
II MODULO PARTE (P) 6 L-FIL-LET/11-LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA Semestrino IIB Mario Allegri

Obiettivi formativi

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
approfondire la conoscenza di autori e testi in parte poco noti allo studente ed esemplari dell’immaginario italiano ed europeo tra Otto-Novecento.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
approfondire la conoscenza di autori e testi in parte poco noti allo studente ed esemplari dell’immaginario italiano ed europeo tra Otto-Novecento.

Programma

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
Prerequisiti: Conoscenza approfondita della letteratura italiana ed europea tra Otto-Novecento. Si pretendono dallo studente la conoscenza e l’uso corretto della lingua, della grammatica e della sintassi italiane, nonché il possesso degli strumenti retorici e stilistici essenziali per la lettura dei testi.

Contenuto del corso: Lo spazio chiuso: interni borghesi nella letteratura tra Otto e Novecento (il salotto, osterie e soffitte, il tinello, la scuola, il teatro, il caffè di provincia , la banca, ville e giardini)

Testi: Analisi e lettura, con bio-bibliografia degli autori, del libretto Traviata (1853, Francesco Maria Piave), La Scapigliatura e il 6 febbraio (1862, Cletto Arrighi), Eva (1873, Giovanni Verga), Daniele Cortis (1885, Antonio Fogazzaro), Teresa (1886, Neera), Cuore (1886, Edmondo De Amicis), Il piacere (1889, Gabriele D’Annunzio), Vortice (1899, Alfredo Oriani), una scelta di liriche da I colloqui (1911, Guido Gozzano).
Inoltre, costituiranno materia d’esame le seguenti nozioni essenziali di storia letteraria italiana di Otto-Novecento tra il 1850 e il 1915 (autori, con dati bio-bibliografici, movimenti e riviste), per le quali sarà sufficiente un buon manuale scolastico:
Riviste: “Nuova antologia”, “Giornale storico della letteratura italiana”, “Fanfulla della domenica”, “La cultura”, “Cronaca bizantina”, “Critica sociale”,“La critica”, “Leonardo”, “Il regno”, “Hermes”, “Poesia”, “La voce”, “Lacerba”. Generi, tendenze e gruppi: Letteratura campagnola, Scapigliatura, il Feuilleton, Positivismo, Naturalismo, Verismo, Decadentismo, Crepuscolarismo, Futurismo. Autori: Ippolito Nievo, Luigi Capuana, Federico De Roberto, Carlo Collodi, Carlo Dossi, Francesco De Sanctis, Arrigo Boito, Iginio Tarchetti, Niccolò Tommaseo, Aleardo Aleardi, Giovanni Prati, Giosue Carducci, Giovanni Pascoli, Salvatore Di Giacomo, Grazia Deledda, Luigi Pirandello, Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Clemente Rebora, Sergio Corazzini, Dino Campana, Aldo Palazzeschi, Filippo Tommaso Marinetti.

Per i non frequentanti: ad integrazione delle lezioni, lettura di Discorsi sul romanzo: Italia 1821-1872, a cura di Marinella Colummi Camerino, Taranto, Lisi, 2000.

Metodi didattici: lezioni frontali, seminari, conferenze


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
Contenuto del corso: Lo spazio chiuso: interni borghesi nella letteratura tra Otto e Novecento (il salotto, osterie e soffitte, il tinello, la scuola, il teatro, il caffè di provincia , la banca, ville e giardini)

Testi: Analisi e lettura, con bio-bibliografia degli autori, del libretto Traviata (1853, Francesco Maria Piave), La Scapigliatura e il 6 febbraio (1862, Cletto Arrighi), Teresa (1886, Neera), Cuore (1886, Edmondo De Amicis), Il piacere (1889, Gabriele D’annunzio), Una vita (1892, Italo Svevo), Vortice (1899, Alfredo Oriani), una scelta di liriche da I colloqui (1911, Guido Gozzano).

Inoltre, costituiranno materia d’esame le seguenti nozioni essenziali di storia letteraria italiana di Otto-Novecento tra il 1850 e il 1915 (autori, con dati bio-bibliografici, movimenti e riviste), per le quali sarà sufficiente un buon manuale scolastico:
Riviste: “Nuova antologia”, “Giornale storico della letteratura italiana”, “Fanfulla della domenica”, “La cultura”, “Cronaca bizantina”, “Critica sociale”,“La critica”, “Leonardo”, “Il regno”, “Hermes”, “Poesia”, “La voce”, “Lacerba”. Generi, tendenze e gruppi: Letteratura campagnola, Scapigliatura, il Feuilleton, Positivismo, Naturalismo, Verismo, Decadentismo, Crepuscolarismo, Futurismo. Autori: Ippolito Nievo, Luigi Capuana, Federico De Roberto, Carlo Collodi, Carlo Dossi, Francesco De Sanctis, Arrigo Boito, Iginio Tarchetti, Niccolò Tommaseo, Aleardo Aleardi, Giovanni Prati, Giosue Carducci, Giovanni Pascoli, Salvatore Di Giacomo, Grazia Deledda, Luigi Pirandello, Benedetto Croce, Giovanni Gentile, Clemente Rebora, Sergio Corazzini, Dino Campana, Aldo Palazzeschi, Filippo Tommaso Marinetti.

Per i non frequentanti: ad integrazione delle lezioni, lettura di Discorsi sul romanzo: Italia 1821-1872, a cura di Marinella Colummi Camerino, Taranto, Lisi, 2000.

Metodi didattici: lezioni frontali, seminari, conferenze

Modalità d'esame

Modulo: I MODULO PARTE (I)
-------
prova scritta sugli argomenti svolti a lezione.

Solo in casi autenticamente disperati verranno date informazioni per telefono e per e-mail, poiché il programma d’esame, la bibliografia necessaria per sostenerlo, l’orario di ricevimento, l’orario degli appelli d’esame per tutto il 2012-13 saranno visionabili negli Avvisi agli studenti nella Home Page della facoltà e sulla porta dello studio.
Non si tratta, da parte del docente, di scortesia o di mancanza di disponibilità. Si tratta, semmai, di interrompere una pessima abitudine che induce pigrizia, sfavorisce il dialogo e la conoscenza diretta tra studenti e docente, obbligando quest’ultimo ad ore settimanali di scrittura in internet.


Modulo: II MODULO PARTE (P)
-------
prova scritta sugli argomenti svolti a lezione.

Solo in casi autenticamente disperati verranno date informazioni per telefono e per e-mail, poiché il programma d’esame, la bibliografia necessaria per sostenerlo, l’orario di ricevimento, l’orario degli appelli d’esame per tutto il 2012-13 saranno visionabili negli Avvisi agli studenti nella Home Page della facoltà e sulla porta dello studio.
Non si tratta, da parte del docente, di scortesia o di mancanza di disponibilità. Si tratta, semmai, di interrompere una pessima abitudine che induce pigrizia, sfavorisce il dialogo e la conoscenza diretta tra studenti e docente, obbligando quest’ultimo ad ore settimanali di scrittura in internet.