Pedagogia e differenza sessuale (2010/2011)

Codice insegnamento
4S00818
Docente
Anna Maria Piussi
Coordinatore
Anna Maria Piussi
crediti
9
Settore disciplinare
M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 2A, Sem. 2B

Orario lezioni

Sem. 2A
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 14.00 - 16.30 lezione Aula Zorzi A dal 1-mar-2011  al 10-apr-2011
giovedì 11.00 - 13.30 lezione Aula Zorzi A dal 1-mar-2011  al 10-apr-2011
Sem. 2B
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 14.00 - 16.30 lezione Aula Zorzi A  
giovedì 11.00 - 13.30 lezione Aula Zorzi A  

Obiettivi formativi

il corso intende promuovere e consolidare la consapevolezza della differenza sessuale nella ricerca pedagogica, nelle pratiche educative e di cura, nei processi formativi e autoformativi. La categoria differenza sessuale e l’essere donna/uomo verranno assunti nel loro senso libero da stereotipi culturali e da ruoli sociali ascritti, per interpretare limiti e possibilità di nuove forme di convivenza e di civiltà. Il corso intende sviluppare e/o potenziare la competenza simbolica nella lettura e nell' interpretazione della realtà sociale vicina e lontana (oltre che nello studio dei testi) e valorizzare il sapere dell'esperienza.

Programma

1. Il senso libero della differenza sessuale: significati, possibilità trasformative
2. Educarsi/educare a comporre la vita: tra quotidianità e turning point
3. Benessere, malessere; agio, disagio

Dopo alcune lezioni introduttive, il corso assumerà una configurazione seminariale, con lavori di gruppo sfocianti in un elaborato scritto, in cui l'apporto individuale sia riconoscibile e valutabile. I temi del corso sono articolabili in varie direzioni interessanti per la riflessione pedagogica. Alcune linee proponibili per il lavoro seminariale, riguardante la libertà femminile e i rapporti tra i sessi sono:
- lo studio, la formazione
- il lavoro, l'economico
- il mondo delle relazioni affettive e familiari
- la vita pubblica
Sono previste le proiezioni di alcuni film o docu-film che verranno commentati insieme (ad es. il film di Iciar Bollain, Ti dò i miei occhi, 2004, il film-documentario di Alina Marazzi, Vogliamo anche le rose, 2007, il docu-film della Libreria delle donne di Milano, La politica del desiderio, 2010).

Testi per l’esame:
- Bateson M.C., Comporre una vita, Feltrinelli 1992 (il libro è esaurito, una copia si trova presso la Biblioteca del Dipartimento di Filosofia, Pedagogia, Psicologia e si può fotocopiare)
- Piussi A.M., Due sessi, un mondo. Educazione e pedagogia alla luce della differenza sessuale, Quiedit 2008.
- Gamberi C., Maio M.C., Selmi G., Educare al genere, Carocci 2010 ( solo i saggi di S. Bellassai e di G. Burgio).
- Musi E., Non è sempre la solita storia, FrancoAngeli 2008.
- Il rischio dell'incontro. La competenza femminile nella relazione di aiuto, Comune di Mantova 2004 (una copia si trova nella Biblioteca di Dipartimento).
-

Un testo a scelta tra i seguenti:
a) gruppo dei 'classici':
- V. Woolf, Le tre ghinee, Feltrinelli, 2000 (4. ediz.)
- A. Rich, Nato di donna, Garzanti (qualsiasi ediz.)
- A. Rich, Segreti, silenzi, bugie. Il mondo comune delle donne, La Tartaruga 1989 (esaurito, da cercare in biblioteca)
- Libreria delle donne di Milano, Non credere di avere dei diritti, Rosenberg & Sellier, 1987
b) gruppo di testi di attualità

- Buttarelli A., Muraro L., Rampello L., Duemilauna. Donne che cambiano l’Italia, Nuove Pratiche, 2000.
- Ciccone S., Essere maschi. Tra potere e libertà, Rosenberg & Sellier 2009.
- Gruppo lavoro Libreria delle donne di Milano, Il doppio sì. Lavoro e maternità, Quaderni di Via Dogana, 2008.
- Sisti E., Costa B., Le donne reggono il mondo, Ed. Altreconomia 2010.
- Metis Medicina e Memoria ( a cura di), Ma c'è la vita. Saperi di donne sulla relazione terapeutica, I quaderni di Metis, Milano 2007 (il testo si può richiedere a: segreteria@metisonline.it, o alla Libreria delle donne di Milano).
- Reale E., Prima della depressione, FrancoAngeli 2007.

Modalità d'esame

colloquio orale sui testi per l'esame.
Per le/i frequentanti il lavoro seminariale svolto, comprensivo dell'elaborato finale, se valutato positivamente potrà sostituire l’esame orale.
Alle/ai non frequentanti si consiglia di contattare la docente in vista della preparazione per l'esame.