Storia della filosofia [Cognomi M-Z] (2009/2010)

Codice insegnamento
4S00761
Docente
Giuliano Bergamaschi
Coordinatore
Giuliano Bergamaschi
crediti
9
Settore disciplinare
M-FIL/06 - STORIA DELLA FILOSOFIA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Sem. 1A, Sem. 1B

Orario lezioni

Obiettivi formativi

L’insegnamento di Storia della filosofia si propone di fornire le indispensabili nozioni di base che consentano di inquadrare e di comprendere criticamente le problematiche odierne delle scienze storiche e sociali. Si volgerà particolare attenzione agli autori classici al fine di mostrare la linea di sviluppo e di approfondimento dei fondamentali nuclei speculativi propri della riflessione filosofica, pur nel mutare delle condizioni storiche. L’obiettivo è di favorire un approccio diretto ai testi dei classici della filosofia per mostrare come il discorso filosofico nasca da problemi e bisogni concreti e prospetti soluzioni sulle quali è ancora possibile utilmente riflettere.

L’insegnamento di storia della filosofia si propone di fornire i quadri concettuali e riferimenti storici per dimensionare ed inquadrare le principali questioni attuali relative allo sviluppo delle scienze umane.

Programma

Si richiede la conoscenza dei seguenti argomenti: i Presocratici e Socrate; il pensiero di Platone; Aristotele e l’aristotelismo; stoicismo ed epicureismo; filosofia romana e neoplatonismo (Plotino); filosofia cristiana e S. Agostino; la Scolastica e S. Tommaso; Guglielmo Occam e la fine del pensiero medievale; la scienza moderna: Galileo Galilei e Francesco Bacone; la filosofia moderna: Renato Cartesio; il monismo di Spinoza; l’empirismo inglese: Locke, Berkeley, Hume; la monadologia di Leibniz; lo storicismo di G.B. Vico; il criticismo di Kant; l’idealismo tedesco: Fichte, Schelling, Hegel; il positivismo: Comte, Stuart Mill; il pensiero di Schopenhauer; il materialismo storico di Marx; il pensiero di Nietzsche.

Cuore e Mente. Mai come in questi ultimi due secoli, in una corsa progressivamente folle, l’uomo ha separato l’intelligenza dall’amore, la ragione dalla passione, la mente del cuore. Per alcuni filosofi – ma non solo- la perdita dell’unità di mente e cuore appare come una sorta di insidiosa malattia mortale. L’insegnamento intende affrontare questo tema secondo anche le più recenti discipline delle scienze neuroaffettive -quali la neuroetica - per presentare la proposta di una “filosofia sapienziale” capace di andare oltre il catturare e il dominare, caratteristici strumenti” di una conoscenza spesso senza amore. La filosofia che si affaccia la terzo millennio dovrebbe fare propria questa sfida pratica e teoretica per una visione integrale della persona umana. Testi classici di riferimento di questo itinerario saranno La lettera a Meneceo di Epicuro ( 341-270) e Le passioni dell’anima ( 1649) di Cartesio (i seguenti articoli:1,2,7,8,17,18,19,29,30,31,40,41,42,47,48,50,52,136,145,152,153,211)



Testi per l’esame:
Parte istituzionale:
un buon manuale per licei classici o scientifici.

Parte monografica:
Epicuro, Lettera a Meneceo, in qualsiasi edizione.
Cartesio, Le passioni dell’anima, Bompiani, Milano 2003.
Giuliano Bergamaschi, Matteo Rampin, Cuore Mente, Libreria Editrice Universitaria, Verona 2009.

Modalità d'esame

Per la parte istituzionale l’accertamento del profitto avverrà in forma scritta.
Per la parte monografica l'accertamento sarà orale.