Estetica (p) (2007/2008)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S01184
Docente
Paolo Gambazzi
crediti
3
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
M-FIL/04 - ESTETICA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
II semestre dal 18-feb-2008 al 31-mag-2008.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

L’Estetica è l’interrogazione filosofica sia dell’`arte’ e della `bellezza’ che della dimensione estetica in generale (il percepire, il sentire, l’affetto). Questa interrogazione concerne l’intrinseco rapporto dell’arte con la storia e le epoche. Finalità dell’insegnamento di Estetica è quello di chiarire il senso di tale interrogazione filosofica a partire da problemi o autori esemplari.

Programma

Prerequisiti: una conoscenza generale dell’opera di Samuel Beckett e del pensiero di Gilles Deleuze (a livello di un buon manuale di storia della letteratura francese e di storia della filosofia).

Contenuto del corso: Linguaggio, immagine e stile nelle ultime opere di Samuel Beckett e nei commenti di Gilles Deleuze.

Testi di riferimento:
S. Beckett, L’immagine (1988), in S. Beckett, L’immagine, Senza, Lo spopolatore, Einaudi, Torino pp. 2 – 11, da leggere insieme al saggio di Renato Oliva, Appunti per una lettura dell’ultimo Beckett, pubblicato nello stesso vol. alle pp. 93 – 121.
S. Beckett, Film seguito da Commedie brevi, Einaudi, Torino 1985.
S. Beckett, Lettera tedesca del 1937, I due bisogni, La pittura dei van Velde ovvero il mondo e i pantaloni, Pittori dell’impedimento, Tre dialoghi ..., in Disiecta. Scritti sparsi e un frammento dogmatico, Egea, Milano 1991, pp. 67 – 76, 165 – 209.
G. Deleuze, Che cos’è l’atto di creazione? (conferenza del 1987), Cronopio, Napoli 2003, pp. 9 - 24.
G. Deleuze, L’esausto (1992), Cronopio, Napoli 1999, pp. 9 - 54.
G. Deleuze, La letteratura e la vita e Il più grande film irlandese (`Film’ di Beckett), in Deleuze, Critica e clinica, Cortina, Milano, 1996, pp. 13 – 20 e 39 – 42.
G. Antonello, Introduzione alla lettura di Gilles Deleuze, Libreria Universitaria editrice, Verona 2007 (disponibile presso la libreria Erasmo).

Metodi didattici: lezioni frontali.
Nel corso delle lezioni verranno proiettati Film di Beckett e altre `pièces’ da lui realizzate per la televisione tedesca. A queste opere si riferisce Deleuze nell’Esausto. È perciò vivamente consigliata la frequenza.

Modalità d'esame

L’esame sarà costituito da un colloquio orale di commento e discussione sui testi di riferimento.