Laurea in Scienze dell'educazione

logo

Conoscenze richieste per l'accesso - Saperi Minimi (OFA)

Sono le conoscenze di base, differenti e specifiche per ogni corso di studio, che devi possedere per poter frequentare proficuamente il corso.
La verifica del possesso dei saperi minimi può avvenire contestualmente alla prova di ammissione (per i corsi ad accesso programmato) o con apposite verifiche, previste nel corso del primo anno. L'esito negativo della verifica dei saperi minimi NON impedisce l’immatricolazione! 
Tale verifica però dovrà essere ripetuta e superata entro il primo anno, altrimenti non sarà possibile procedere con l’iscrizione al secondo anno di corso.
Per aiutare lo studente nella preparazione alla verifica, ogni corso di studio organizza durante l’anno corsi di recupero degli OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi, assegnati a chi non supera la verifica).
Attenzione: in caso si disponga di certificazioni sostitutive, come ad esempio gli Esami Tandem sostenuti in anni precedenti o alcune certificazioni esterne, i saperi minimi potrebbero risultare assolti.

Conoscenze Richieste

Per accedere al corso di laurea triennale in Scienze dell'educazione gli studenti devono essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore o di un titolo straniero equipollente. Gli studenti non comunitari residenti all'estero dovranno sostenere e superare, prima della prova di selezione comune agli altri studenti, una prova di conoscenza della lingua italiana presso il CLA (Centro Linguistico di Ateneo).
Le conoscenze relative ai contenuti delle aree disciplinari di base (pedagogica, psicologica, filosofica, sociologica e antropologica) sono considerate come conoscenze "obbligatorie" perché rappresentano i "livelli essenziali di conoscenza" (= saperi minimi) per poter accedere con profitto al nuovo percorso di studio.  In quanto tali, queste conoscenze sono oggetto di un'attenzione specifica che prevede, in caso di insufficiente padronanza delle stesse, l'attivazione del "debito formativo" che dovrà essere oggetto dell'attività di recupero da parte dello studente.
 Il mancato superamento della prova di verifica relativa ai "saperi minimi" impedisce l'iscrizione al secondo anno.

 

 

Modalità Verifica

La prova di accesso al corso di studi ha valore anche come prova di verifica del possesso dei “saperi minimi”.
Il sapere minimo consiste nel possesso, da parte dello studente, delle conoscenze considerate indispensabili per poter frequentare con profitto il nuovo percorso di studi.
I risultati del test di ammissione saranno considerati validi anche per il superamento dei saperi minimi, solo per i candidati che risponderanno correttamente ad almeno 23 delle 45 domande relative ai contenuti disciplinari di base. Le conoscenze essenziali, verificate attraverso la prova dei “saperi minimi”, riguardano le discipline di base, già ricordate: Pedagogia, Psicologia, Filosofia, Sociologia e Antropologia.
Anche nella verifica della prova di accesso, per la parte riguardante i saperi minimi, si seguiranno i medesimi criteri di valutazione delle risposte:

  • 1 punto per ogni risposta esatta;
  • 0 punti per ogni risposta non data;
  • - 0,25 punti per ogni risposta errata.

Data Verifica

In fase di definizione

Certificazioni Sostitutive

Sono esentati dalla verifica dei saperi minimi gli studenti che sono stati ammessi ad un anno superiore al primo del medesimo corso di studio, e gli studenti in possesso del diploma di laurea, di un titolo universitario o di un titolo equipollente conseguito in Italia o all'estero.
Lo studente ha la possibilità di acquisire le competenze in ingresso (saperi minimi) già durante il suo percorso scolastico, tramite la partecipazione ai corsi del progetto Tandem, realizzato dall'Ateneo di Verona in collaborazione con le scuole Medie Superiori.

Corsi di recupero OFA

Per chi all’inizio non supera la prova dei saperi minimi, riguardante i contenuti disciplinari di base, ossia l’area pedagogica, psicologica, filosofica, sociologica e antropologica, si verificherà in quale area lo studente dimostra la propria carenza e si procederà ad individuare un percorso di recupero mirato, da tenersi in una data utile tra il 13 e 18 gennaio 2020.