Natura e funzioni dell'anima umana in Pietro Pomponazzi e Gasparo Contarini

Data inizio
1 luglio 2004
Durata (mesi) 
12
Dipartimenti
Scienze Umane
Responsabili (o referenti locali)
Peruzzi Enrico

La ricerca si propone di analizzare la discussione sulla natura dell'anima umana e sulle sue funzioni cognitive e paracognitive, con particolare riguardo al ruolo svolto dall'immaginazione,sviluppatasi tra Pietro Pomponazzi e Gasparo Contarini dopo la pubblicazione del trattato sull'immortalità dell'anima del filosofo mantovano nel 1516.Lo studio avrà per oggetto il testo dell'"Apologia" di Pomponazzi, scritta in risposta alle critiche di Contarini volte a confutare sia la dottrina averroista che alessandrista, insieme a quanto esposto nel trattato del Maestro. L'indagine verrà estesa anche al secondo libro del "De immortalitate animae" contariniano, che contiene le repliche alle risposte contenute nell'"Apologia".

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Attività

Strutture