Metodi e didattica delle attivita' motorie (2019/2020)



Codice insegnamento
4S006128
Crediti
9
Coordinatore
Luciano Bertinato
Settore disciplinare
M-EDF/02 - METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE
Lingua di erogazione
Italiano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Attività Crediti Periodo Docenti Orario
Lezioni 8 Sem. 2A, Sem. 2B Luciano Bertinato

Vai all'orario delle lezioni

Laboratorio [Gruppo 1] 1 Lab. 2A, Lab. 2B Luciano Bertinato

Vai all'orario delle lezioni

Laboratorio [Gruppo 2] 1 Lab. 2A, Lab. 2B Maria Cristina Castagnetti

Vai all'orario delle lezioni

Laboratorio [Gruppo 3] 1 Lab. 2A, Lab. 2B Matteo Giuriato

Vai all'orario delle lezioni

Laboratorio [Gruppo 4] 1 Lab. 2A, Lab. 2B Patrizia Esmanech

Vai all'orario delle lezioni

Programma

Studenti e studentesse conosceranno le caratteristiche fisiche, cognitive del sociali dei bambini in età scolare. Dovranno dimostrare di essere in grado di progettare e programmare interventi di attività motoria che tengano conto della concezione olistica del bambino.
Studenti e studentesse saranno in grado di definire finalità , obiettivi e competenze correlate alle attività motorie durante l’età scolare e sapranno riconoscerne la peculiarità e l’importanza della pratica delle stesse per lo sviluppo delle funzioni esecutive.
Al termine del corso lo studente dovrà conoscere:
- i criteri di base per la stesura di un piano di lavoro annuale secondo le indicazioni nazionali per il curricolo della scuola d’infanzia e primaria, entrate in vigore nel 2013 e riferite ai singoli piani di studio disciplinari; gli stili di insegnamento di riproduzione e gli stili di insegnamento per scoperta ( Mosston e Ashworth, 1994). Lo studente dovrà essere capace di disporre degli elementi in grado di organizzare pratiche di programmazione e riconoscerà l’importanza del problem solving nella didattica per il bambino.
Le caratteristiche fisiche, motorie, cognitive e sociali del bambino in età scolare.
• L’acquisizione delle abilità motorie. Foundamental skills: abilità locomotorie e non locomotorie
• I livelli di apprendimento delle abilità motorie: coordinazione grezza, coordinazione fine, disponibilità variabile
• Il gioco e le sue funzioni motorie:
 giochi e attività motorie per lo sviluppo delle qualità senso-percettive;
 giochi e attività motorie di orientamento e strutturazione spazio-temporale;
 giochi e attività motorie per la strutturazione dello schema corporeo e degli schemi motori di base;
 giochi per l’attività e l’esercizio dell’equilibrio statico, dinamico e demandato
 giochi ed attività motorie per l’esercizio del timing e del ritmo;
 giochi ed attività motorie per l’esercizio e il consolidamento della lateralità e della dominanza.
• Variazione e variabilità della pratica: giochi ed attività motorie relative alle principali funzioni esecutive.
 Giochi che promuovono l’interferenza contestuale
 Giochi che promuovono il controllo mentale
 Giochi che promuovono la scoperta.
Individuare gli obiettivi di apprendimento, saperli distinguere e declinare in conoscenze, abilità e competenze; disporre degli elementi in grado di preparare il bambino all’apprendimento motorio : istruzione, imitazione, assistenza e feedback, nella scuola primaria di primo grado e nella scuola d’infanzia.
Al termine del corso lo studente sarà in grado di:
- elaborare percorsi educativi in team con i docenti, che, utilizzando gli obiettivi specifici di apprendimento elencati nelle indicazioni nazionali, progettino unità di apprendimento (UDA) utili per il raggiungimento degli obiettivi formativi;
- sviluppare unità di apprendimento mediante appositi percorsi di metodo e di contenuto e sarà in grado di valutare sia il livello delle conoscenze e delle abilità, che della maturazione delle competenze di ciascun allievo. Lo studente al termine del corso sarà in grado di distinguere gli stili di riproduzione in : stile a comando e stile della pratica.
Lo studente sarà in grado di dare:
- istruzioni: insegnamento che descrive come eseguire un movimento;
- Imitazione o apprendimento osservazionale: insegnamento che incrementa l’apprendimento attraverso la visualizzazione del movimento da eseguire;
- Assistenza: una procedura di insegnamento che dirige gli allievi mentre eseguono i compiti;
- Feedback: l’informazione che indica qualcosa a riguardo del movimento eseguito.

Modalità d'esame

La prova d’esame avrà l’obiettivo di valutare la conoscenza dei contenuti trattati durante l’insegnamento ( parte teorica) e la competenza di trasferirli in una simulazione di lezione da presentare all’atto dell’esame ( parte pratica).
La modalità della parte teorica sarà in forma scritta: 5 domande aperte a tempo ( dieci minuti per ogni domanda) con l’obbligo di tracciare una linea dopo ogni risposta ( proprietà di sintesi). La modalità della parte pratica sarà scritta: una descrizione di simulazione di una lezione contestualizzata ad alta componente applicativa ( competenze).
Ciascuna risposta avrà il valore di 6 punti. Essi verranno assegnati secondo i criteri della correttezza, della pertinenza alla domanda e della capacità di elaborazione personale.

Testi di riferimento
Attività Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Lezioni Valentina Biino GiocosaMente in Movimento (Edizione 1) CALZETTI MARIUCCI editore 2018 978-88-6028-558-4
Lezioni Pesce C, Marchetti R,, Motta A., Bellucci M. Joy of moving Calzetti-Mariucci editore 2015
Lezioni Biino Valentina "Manuale di Scienze motorie e sportive" HOEPLI 2006