Sociologia dell'innovazione sociale (2019/2020)

Codice insegnamento
4S007410
Crediti
9
Coordinatore
Sandro Stanzani
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
SOCIAL NETWORK ANALYSIS E INTERVENTO DI RETE 3 SPS/07-SOCIOLOGIA GENERALE Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
MULTICULTURALISMO E TEORIE DEL RICONOSCIMENTO 3 SPS/08-SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
SOCIOLOGIA DEL TERZO SETTORE 3 SPS/08-SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo

Obiettivi formativi

CONOSCENZA E COMPRENSIONE
- conoscenza teorica e tecnico-metodologica avanzata, con particolare riguardo all'analisi e alla comprensione delle realtà istituzionali socio-assistenziali e socio-sanitarie
- conoscenze multidisciplinari finalizzate all'analisi critica di problematiche sociali specifiche
- conoscenze multidisciplinari finalizzate alla riflessione sulle dinamiche in cui il servizio si inserisce.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE
- capacità di interpretare le differenti situazioni di disagio e di promozione del benessere della comunità;
- capacità di lettura e di decisione inerenti alle problematiche dell'integrazione fra servizi sociali e sanitari;
- padronanza nell'uso di strumenti di raccolta dati e informazioni.

OBIETTIVI SPECIFICI L'insegnamento si propone di fornire gli elementi concettuali necessari a elaborare un'interpretazione sociologica adeguata di dinamiche sociali emergenti come i processi migratori e l’affermarsi delle organizzazioni di terzo settore come attori del sistema integrato di servizi sociali, sviluppando così capacità di lettura e di decisione inerenti alle pro-blematiche dI integrazione sociale tra gruppi sociali diversi e fra servizi sociali e sanitari, pubblici e di terzo settore. Il modulo di sociologia del terzo settore offrirà conoscenze sul ruolo che può svolgere il terzo settore nel contesto della crisi del welfare state. Il modulo di teorie del riconoscimento intende trasmettere le conoscenze per un’analisi critica dei movimenti di rivendicazione delle identità culturali per metterne in evidenza elementi di similitudine e differenze rispetto alle lotte per riconoscimento. Il modulo di Social Network Analysis e Intervento di Rete presenta concetti e strumenti per l’analisi dei reticoli sociali nella loro dimensione strutturale e simbolica. Gli elementi concettuali introdotti dall’insegnamento consentiranno di realizzare progetti di intervento sociale innovativi improntati all’intervento di rete, alla progettazione di servizi di terzo settore.

Programma

MM: SOCIAL NETWORK ANALYSIS E INTERVENTO DI RETE
Lezioni: Per raggiungere gli obiettivi formativi, il modulo seguirà il seguente programma: 1. Cos'è una rete sociale e come la si può individuare 2. Le proprietà delle relazioni. 3. La metodologia dell’intervento di rete. Il programma verrà analiticamente presentato nel corso di lezioni frontali. Tutti gli argomenti presenti nel programma sono reperibili all’interno dei testi di riferimento.

Laboratorio: Per raggiungere gli obiettivi formativi, il modulo seguirà il seguente programma: 1. Le proprietà dei nodi. 2. Le proprietà dei reticoli. 3. Diversi modi di osservare le reti. 4. Alcuni esempi di pratica di ricerca attraverso la social network analysis. Il programma verrà analiticamente presentato nel corso di attività pratiche. Tutti gli argomenti presenti nel programma sono reperibili all’interno dei testi di riferimento.

MULTICULTURALISMO E TEORIE DEL RICONOSCIMENTO
Lezioni: Nell'ambito delle lezioni frontali (12 ore), saranno presentati i concetti fondamentali, e relative ricadute empiriche, per introdurre il nuovo paradigma della differenza egualitaria. In particolare saranno introdotti i seguenti temi: 1. il ruolo della cultura nella formazione delle identità individuali e di gruppo: la cultura come 'fatto sociale' (prospettiva olistica) e la cultura come costruzione sociale (la prospettiva individualistica); 2. lotte per riconoscimento: redistribuzione e riconoscimento. Due strade per affrontare il problema della disuguaglianza sociale; 3. multiculturalismo e multietnicità: la regolazione della convivenza inter-etnica e multiculturale; 4. diritti umani e autodeterminazione in un mondo globale: la cittadinanza come prassi sociale.

Laboratorio: Nell'ambito delle attività laboratoriali (12 ore) ogni studente, a partire dai concetti introdotti nelle lezioni frontali, dovrà sviluppare un lavoro teso a sviluppare la capacità di tradurre il concetto, nella sua complessità, in indicatori sociali, in dimensioni empiricamente rilevabili. Prima delle attività laboratoriali, il docente metterà a disposizione il materiale di lavoro. In considerazione della tipologia didattica, la frequenza al modulo è obbligatoria.

SOCIOLOGIA DEL TERZO SETTORE

Lezioni: Il modulo affronterà i seguenti temi: • Rassegna delle principali teorie del Terzo settore • Individuazione della specificità relazionale del Terzo settore • Terzo settore e innovazione delle politiche sociali • La professione dell'assistente sociale nel Terzo settore • Il Terzo settore in Italia: legislazione, dimensioni, cultura e pratiche Modalità didattiche: - Lezioni frontali: Una serie di lezioni frontali sarà dedicata lla presentazione dei contenuti teorici del programma -

Attività pratiche: • Presentazione di esperienze significative di Terzo settore e di lavoro professionale all’interno di organizzazioni nonprofit • Lavori di gruppo per l'analisi dei testi di legge riguardanti il settore e sui bandi per le gare d'appalto

Modalità d'esame

Obiettivi delle prove di accertamento:
Le prove di accertamento sono volte a verificare 1) l'acquisizione dei contenuti teorici proposti dal programma dei singoli moduli dell'insegnamento e 2) la capacità di declinare tali contenuti nell'analisi delle politiche sociali, dei servizi sociali e dell'intervento di rete.

Modalità di accertamento:
I singoli moduli possono prevedere prove di accertamento in itinere.
È tuttavia prevista una prova di accertamento finale in forma orale, comune a tutti i moduli.

Per il dettaglio sulle modalità di utilizzo dei testi consigliati si rinvia alle pagine web di ogni singolo modulo dell'insegnamento.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Remotti F. Contro l'identità Laterza 2001
64° Governo Italiano D. Lgs. n. 117/17 "Codice del Terzo settore" Gazzetta Ufficiale 2017
Vargiu A: Il nodo mancante. Guida pratica all'analisi delle reti per l'operatore sociale FrancoAngeli 2001
Fazzi L. Il servizio sociale nel terzo settore Maggioli Editore 2016 8891615510
Seyla Benhabib La rivendicazione dell'identità culturale Il Mulino 2005
Stanzani S. La specificità relazionale del terzo settore (Edizione 2) FrancoAngeli 1999
Remotti F. L'ossessione identitaria Laterza 2017
Honneth A. Lotta per il riconoscimento. Proposte per un'etica del conflitto Il Saggiatore 2002
Jurgen Habermas, Charles Taylor Lotte per il riconoscimento. Feltrinelli 2007
Daniela Campana Metodologia dell'intervento di rete nell'ambito dei servizi sociali e sanitari, in «Studi di Sociologia», 42, 4, pp. 479-501. 2004
Nancy Frazer, Axell Honneth Redistribuzione o riconoscimento? Meltemi 2007
Vincenzo Cesareo Società multietniche e multiculturalismi Vita e Pensiero 2004
Stanzani S. Voce: Privato sociale / Terzo settore, in P. Terenzi, L. Boccacin, R. Prandini (a cura di) Lessico della sociologia relazionale Il Mulino 2016