Problemi della filosofia contemporanea (2019/2020)

Codice insegnamento
4S003374
Docente
Carlo Chiurco
Coordinatore
Carlo Chiurco
crediti
6
Settore disciplinare
M-FIL/06 - STORIA DELLA FILOSOFIA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2B dal 6-apr-2020 al 30-mag-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

1. Conoscere nelle sue linee generali la filosofia del Novecento al fine di mettere in luce le questioni fondamentali e le tendenze dominanti del dibattito filosofico contemporaneo, tra cui l’intreccio del sapere filosofico con le tematiche delle scienze sociali e storiche.
2. Comprendere più a fondo il pensiero di Karl Popper e il suo decisivo contributo alla metodologia delle scienze sociali, oltre a prospettare soluzioni innovative nel campo socio-politico, persino in quello teologico e pedagogico.
3. Sviluppare la capacità di lettura e di corretta comprensione dei testi, affinando la terminologia espositiva, la capacità di argomentare e di interpretare in chiave esistenziale il significato teoretico dei testi.
4. Esercitare negli studenti l'attitudine a mettere in relazione le conoscenze acquisite con la propria esperienza personale.

Programma

In the Name of Love. L'Occidente e/è la violenza.

Il pensiero contemporaneo ha posto un'equazione fondamentale: la metafisica è violenza. Il nostro tempo è lo sforzo disperato di liberarsi da strutture millenarie che, sotto il pretesto di obbedire a leggi e strutture assolutamente evidenti, sono in realtà fondate sull'arbitrio e la sopraffazione dell'altro e del diverso. È davvero così? O il nostro tempo - l'Occidente attuale, così sensibile al rispetto delle differenze, di qualunque tipo - è esso stesso solo un altro episodio della storia della violenza, un modo occulto di essere violenti sotto il pretesto dell'amore? E se la violenza fosse ineliminabile, la struttura più autentica più autentica e più vera del reale?

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Nietzsche Genealogia della morale Adelphi 1992 Solo la parte I. Va bene qualunque anno di edizione, purché il libro sia pubblicato dalla Adelphi.
Girard, René Il capro espiatorio Adelphi 1999 Va bene qualunque anno di edizione, purché il libro sia pubblicato dalla Adelphi.
Nietzsche, Friedrich La nascita della tragedia Adelphi 1977 9788845901997 Passi scelti. Va bene qualunque anno di edizione, purché il libro sia pubblicato dalla Adelphi.
F. R. Girard La violenza e il sacro Adelphi 2012 Parti scelte. Va bene qualunque anno di edizione, purché il libro sia pubblicato dalla Adelphi.
Severino, Emanuele Oltre il linguaggio Adelphi 1992 Solo il capitolo "Violenza e salvezza". Va bene qualunque anno di edizione.
Severino, Emanuele Téchne. Le radici della violenza Rizzoli (BUR) 2010 Va bene qualunque anno di edizione.

Modalità d'esame

La prova d'esame varierà a seconda dell'anno del corso.
PER GLI STUDENTI DEGLI ANNI PRECEDENTI (quindi fino al 2019/20 escluso), resterà invariata la modalità prevista dal precedente titolare dell'insegnamento, e cioè: L’esame sarà costituito da un colloquio orale di discussione e commento ai libri indicati come testi di riferimento. Per i frequentanti, è possibile sostenere l’esame con una prova scritta finale con test a scelta multipla (10 domande per il 75% del voto) e quesiti aperti (due quesiti per il 20% del voto). In questo caso, la prova orale vale il 50% e la prova scritta 50%.
PER GLI STUDENTI DI QUEST'ANNO, la prova sarà SOLO SCRITTA: dieci domande a risposta corta (pari ai 21/30 del voto finale) e due a risposta aperta (pari ai 9/30 del voto).