Letteratura italiana e filosofia (2019/2020)

Codice insegnamento
4S007317
Docente
Massimo Natale
Coordinatore
Massimo Natale
crediti
12
Settore disciplinare
L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 1A, Sem. 1B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso di Letteratura italiana e filosofia si propone di indagare i rapporti fra la tradizione letteraria – inserita nel proprio contesto europeo – e il pensiero filosofico occidentale, attraverso l’analisi di un autore, di un periodo specifico o di un tema che risultino particolarmente significativi in questa chiave.
Il corso intende far acquisire allo studente:
- la conoscenza di alcune linee fondamentali della storia del pensiero filosofico occidentale, fino all’età contemporanea;
- la capacità di contestualizzare, comprendere e commentare autonomamente un testo letterario, in costante dialogo il testo filosofico e con altri ambiti della cultura occidentale (antropologia, psicologia del profondo, latenze mitico-simboliche);
- la capacità di muoversi con competenza nel quadro della tradizione letteraria italiana e delle sue principali caratteristiche tematiche e formali dalle origini ai giorni nostri, con particolare attenzione alle intersezioni con la tradizione filosofica;
- la capacità di giudizio autonomo su questioni culturali specifiche;
- la consapevolezza della capacità dell’esperienza estetica di comprendere e trasformare il mondo in cui viviamo;
- un incremento delle proprie competenze linguistiche.

Programma

«LÌ DOVE CRESCE IL PERICOLO/CRESCE ANCHE CIÒ CHE SALVA»: L'AVVENTURA DELLA POESIA MODERNA

Fra Ottocento e Novecento la poesia occidentale si caratterizza non solo come genere della soggettività, ma anche come spazio di una ostinata volontà di “pensare il mondo”, interrogandone continuamente il senso.
Il corso si strutturerà in due parti:

I PARTE (36 ore):
«Un cervo ferito salta più in alto»: nascita e caratteri della poesia moderna.
La prima parte del corso si soffermerà su alcuni autori fondativi per la modernità poetica – fra gli altri Friedrich Hölderlin, Giacomo Leopardi, Charles Baudelaire, Emily Dickinson – e cercherà di abbozzare un ritratto della poesia moderna come forma di conoscenza, in costante dialogo con il pensiero filosofico.

II PARTE (36 ore):
«Sono tornato là/dove non ero mai stato»: poesia come luogo dell’impossibile.
Nella seconda parte del corso ci si concentrerà sul tema del conflitto tra poesia e ragione, e si
si analizzerà in tal senso soprattutto la poesia di Giorgio Caproni. Anche nella seconda parte del corso si farà più volte riferimento ad alcune delle più importanti esperienze poetiche della modernità europea (per esempio Wallace Stevens, Sylvia Plath, Eugenio Montale).

Testi:
E. Krumm, "Lirica moderna e contemporanea", Firenze, La Nuova Italia, 1997 (il testo sarà disponibile in fotocopia presso la copisteria "Trenta e oltre", Via Timavo 16).
Un’antologia di testi poetici e ulteriore materiale critico saranno forniti durante le lezioni.

Testi consigliati (ma non obbligatori):
G. Leopardi, "Canti", a cura di L. Felici, Newton Compton.
G. Caproni, “Tutte le poesie”, a cura di S. Verdino, Garzanti.

***

MODALITÀ DIDATTICHE
- lezioni frontali (72 ore)

Il contenuto dei libri di testo e delle lezioni è aderente al programma proposto.
(1) Con riguardo agli studenti frequentanti, le modalità didattiche consistono in lezioni frontali dedicate alle aree tematiche del corso. In aula si favorirà l’intervento attivo e partecipato degli studenti.
(2) La piattaforma e-learning è utilizzata per la comunicazione attiva tra docente e studenti e per fornire ulteriore materiale di supporto;
(3) Con riguardo agli studenti non frequentanti, le modalità didattiche consistono in un supporto del docente allo studio del manuale e dei testi di riferimento preventivamente concordati.
Durante tutto l’anno accademico, inoltre, è disponibile il servizio di ricevimento individuale gestito dal docente, negli orari indicati sulle pagine web e costantemente aggiornati.

*** PROGRAMMA PER STUDENTI NON FREQUENTANTI:
-Studio dei seguenti canti di Leopardi: L'infinito, La sera del dì di festa, Il sabato del villaggio, La quiete dopo la tempesta, Il canto notturno, Il Tramonto della luna, La ginestra, Imitazione (con un buon commento ai "Canti", per esempio in ed. Newton Compton a cura di L . Felici, oppure ed. Garzanti a cura di F. Bandini, oppure ed. Carocci a cura di A. Campana)
-Studio degli "Ossi di seppia" di Eugenio Montale, in ed. Mondadori commentata;
-Studio del volume di E. Testa, "Montale", Le Monnier;
-Studio del volume di G. Mazzoni, Sulla poesia moderna, Il Mulino.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Ermanno Krumm Lirica moderna e contemporanea La Nuova Italia 1997 8822119827 Il testo sarà disponibile in fotocopie

Modalità d'esame

MODALITÀ D'ESAME
Per tutti gli studenti (frequentanti o non frequentanti) l’accertamento dei risultati di apprendimento prevede una prova scritta.

OBIETTIVI DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
• verificare l’analitica conoscenza degli argomenti del programma;
• verificare la capacità di commentare i testi;
• verificare la capacità di riflessione e rielaborazione dei principali nodi tematici;


CONTENUTI E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA DI ACCERTAMENTO
La prova riguarderà tutti gli argomenti del programma, e in particolare verterà su:

1) verifica delle conoscenze sui testi (commento);
2) verifica della conoscenza della bibliografia critica
3) accertamento della capacità di argomentare, di confrontare testi, di rielaborare e interpretare i principali nuclei tematici del corso

VALUTAZIONE
Il voto finale, espresso in trentesimi, è attribuito sulla base delle conoscenze, della chiarezza argomentativa, della proprietà di linguaggio.

*Gli studenti Erasmus sono tenuti a contattare il docente a proposito del programma e delle modalità di valutazione.