Fondamenti e didattica della linguistica (2018/2019)

Codice insegnamento
4S006125
Docente
Paolo Nitti
Coordinatore
Paolo Nitti
crediti
8
Settore disciplinare
L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2A, Sem. 2B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

A) Conoscenza e capacità di comprensione - Conoscenze disciplinari umanistico- letterarie

SCUOLA DELL'INFANZIA: Al temine del corso lo studente e la studentessa dovrà
- conoscere i processi e le tecniche per l’apprendimento della lettoscrittura in particolare per le attività di pregrafismo;
- conoscere i processi di composizione dei testi linguistici e i parametri di classificazione della tipologia testuale;
- Essere competente rispetto alle diverse teorie di acquisizione della lingua e di glottodidassi;
- Sapersi orientare rispetto alla lingua italiana, alla sua storia e ai suoi usi connessi con i vari contesti;
- Padroneggiare i livelli di analisi e di descrizione della lingua e della sua complessità: fonologia, morfologia, morfosintassi, testualità, lessico;
- Essere in grado di sviluppare la competenza comunicativa all’interno della Scuola dell’Infanzia;
- Essere competente per quanto concerne la didattica della lingua madre, della lingua seconda e delle lingue straniere, considerando anche i fattori di disomogeneità all’interno delle classi.

SCUOLA PRIMARIA: Al temine del corso lo studente e la studentessa dovrà
- conoscere i processi e le tecniche per l’apprendimento della lettoscrittura,in particolare per le attività di alfabetizzazione;
- conoscere i processi di composizione dei testi linguistici e i parametri di classificazione della tipologia testuale;
- Essere competente rispetto alle diverse teorie di acquisizione della lingua e di glottodidassi;
- Sapersi orientare rispetto alla lingua italiana, alla sua storia e ai suoi usi connessi con i vari contesti;
- Padroneggiare i livelli di analisi e di descrizione della lingua e della sua complessità: fonologia, morfologia, morfosintassi, testualità, lessico;
- Essere in grado di sviluppare la competenza comunicativa all’interno della Scuola Primaria;
- Essere competente per quanto concerne la didattica della lingua madre, della lingua seconda e delle lingue straniere, considerando anche i fattori di disomogeneità all’interno delle classi.

B) Conoscenza e capacità di comprensione applicata - Capacità di declinare le conoscenze disciplinari in percorsi didattici adeguati alla scuola dell'infanzia e alla scuola primaria a partire dall’osservazione dei bisogni dei/lle bambini/e.

SCUOLA DELL'INFANZIA: Al termine del corso lo studente e la studentessa dovrà saper:
- Insegnare a esprimersi con efficacia;
- Valutare e sviluppare la comprensione di un testo parlato o narrato;
- affrontare le specificità didattiche richieste dalla presenza nella classe di alunni di diversa matrice linguistica rispetto a quella italiana;
- progettare percorsi per l’acquisizione della lingua;
- inquadrare i lineamenti normativi per l’insegnamento della lingua italiana e per la tutela delle lingue di minoranza.

SCUOLA PRIMARIA: Al termine del corso lo studente e la studentessa dovrà saper:
- Insegnare a esprimersi con efficacia;
- Valutare e sviluppare la comprensione di un testo scritto e audio;
- affrontare le specificità didattiche richieste dalla presenza nella classe di alunni di diversa matrice linguistica rispetto quella italiana;
- progettare percorsi per l’acquisizione della lingua e per l’educazione linguistica;
- inquadrare i lineamenti normativi per l’insegnamento della lingua italiana e per la tutela delle lingue di minoranza;
- Sviluppare e valutare le competenze per la lettoscrittura.

C) Autonomia di giudizio

SCUOLA DELL'INFANZIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse avranno acquisito
- la capacità di progettare interventi didattici per l’apprendimento della lingua italiana e per l’educazione linguistica;
- la capacità di valutare le competenze linguistiche dei propri discenti.

SCUOLA PRIMARIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse avranno acquisito
- la capacità di progettare interventi didattici per l’apprendimento della lingua italiana e per l’educazione linguistica;
- la capacità di valutare le competenze linguistiche dei propri discenti.


D) Abilità comunicative

SCUOLA DELL'INFANZIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
- saper utilizzare in modo consapevole i termini specifici relativi alla linguistica e alla glottodidattica;
- saper comunicare ai genitori, ai bambini e ai colleghi le proprie scelte e valutazioni di ambito linguistico e glottodidattico.

SCUOLA PRIMARIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
- saper utilizzare in modo consapevole i termini specifici relativi alla linguistica e alla glottodidattica;
- saper comunicare ai genitori, ai bambini e ai colleghi le proprie scelte e valutazioni di ambito linguistico e glottodidattico.

E) Capacità di apprendere

SCUOLA DELL'INFANZIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
- Dimostrare di sapersi orientare all’interno della scelta di materiali per l’apprendimento e la descrizione della lingua (corpora, vocabolari, grammatiche, testi didattici);
- Essere competenti per quanto concerne la descrizione delle possibilità offerte dalla lingua;
- Essere in grado di aggiornarsi in autonomia rispetto all’evoluzione della ricerca in linguistica e in glottodidattica.

SCUOLA PRIMARIA: Al termine del corso gli studenti e le studentesse dovranno:
- Dimostrare di sapersi orientare all’interno della scelta di materiali per l’apprendimento e la descrizione della lingua (corpora, vocabolari, grammatiche, testi didattici);
- Essere competenti per quanto concerne la descrizione delle possibilità offerte dalla lingua;
- Essere in grado di aggiornarsi in autonomia rispetto all’evoluzione della ricerca in linguistica e in glottodidattica.

Programma

Il corso è diviso in due parti: elementi di linguistica descrittiva e didattica dell'italiano come L1 e come L2.

Le principali aree tematiche sono così descritte:
- Elementi di Linguistica descrittiva;
- Lo studio scientifico della lingua (manuali, dizionari, repertori, database);
- Le proprietà della lingua;
- I diversi livelli di analisi: la fonologia, la morfologia, la sintassi, la testualità, la pragmatica e il lessico;
- Le varietà sociolinguistiche;
- La lingua italiana fra innovazione e conservazione;
- La grammatica dell’italiano contemporaneo;
- La violazione della norma;
- Fondamenti di linguistica acquisizionale;
- Lingua italiana e glottodidattica;
- Lingua italiana e usi sessisti;
- Elementi di didattica dell'alfabetizzazione.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Paolo Nitti LA DIDATTICA DELLA LINGUA ITALIANA PER GRUPPI DISOMOGENEI La Scuola 2018 978-88-350-5049-0
Paolo Nitti La grammatica nell'insegnamento dell'italiano per stranieri EAI 2017 9783639772951
Maria Grazia Lo Duca Lingua italiana ed educazione linguistica (Edizione 2) Carocci editore 2013 9788843068890
Giovanni Gobber e Moreno Morani Linguistica generale (Edizione 2) McGraw Hill 2014 9788838668548
Maurizio Dardano Nuovo manualetto di linguistica italiana (Edizione 2) Zanichelli 2017 9788808220981
Luca Serianni Prima lezione di grammatica Editori Laterza 2006 9788842079194

Modalità d'esame

La valutazione degli apprendimenti avverrà attraverso attività di verifica periodica e per mezzo di una verifica scritta che prevedrà domande aperte di carattere linguistico, glottodidattico e l’analisi critica di un caso studio.
Gli studenti e le studentesse frequentanti saranno invitati/e a produrre un lavoro in gruppi e potranno beneficiare di 2 punti bonus rispetto alla prova scritta.
Le domande d’esame per gli studenti e le studentesse non frequentanti verteranno sulla bibliografia specifica.

Gli studenti e le studentesse dovranno dimostrare di:
- Conoscere le principali teorie dell’acquisizione linguistica;
- Essere competenti per quanto concerne gli elementi di descrizione della lingua italiana e delle lingue;
- Utilizzare correttamente il lessico specialistico della linguistica e della glottodidattica;
- Sapersi orientare rispetto alle differenti impostazioni glottodidattiche per quanto riguarda la didattica della lingua madre, della L2 e delle lingue straniere.

La valutazione è espressa in trentesimi, la prova è suddivisa in due parti: domande aperte ed esercizi di trascrizione (25 p.ti) e analisi di un caso studio (6 p.ti), ai quali sommare l’eventuale bonus di 2 p.ti maturato durante il lavoro di gruppo a lezione.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018