Economia dell'istruzione e della formazione (2018/2019)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S01058
Docente
Giuseppe Favretto
Coordinatore
Giuseppe Favretto
crediti
6
Settore disciplinare
SECS-P/01 - ECONOMIA POLITICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2A dal 18-feb-2019 al 30-mar-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso permette di conoscere e comprendere (knowledge and understanding), sulla base dei modelli di management delle Risorse Umane, i concetti chiave della gestione del budget della formazione nelle diverse sfaccettature. Il corso mira inoltre a sviluppare conoscenze e capacità che lo studente potrà applicare nei seguenti temi: l’illustrazione delle linee di finanziamento (europee e nazionali), il ROI (Ritorno dell’Investimento), la formazione agli elementi di organizzazione (tali elementi vengono richiesti durante la strutturazione di un processo formativo), l’evoluzione della figura del formatore con particolare riferimento alle nuove istanze di imprenditorialità richieste dal mercato del lavoro.
Durante il corso si stimolerà un'autonomia di giudizio (making judgements) verso il tema delle risorse umane, proponendo attività in grado di sviluppare abilità nel comunicare tematiche e capacità di apprendere (learning skills) in contesti moderni e organizzativi.

Programma

Contenuti del corso
Organizzazione del lavoro: La questione organizzativa: definizioni e problemi; Archetipi delle organizzazioni moderne; Il ciclo tecnologico: il modello di Rohmert e Luczak; La rivoluzione industriale e i primi tentativi di razionalizzazione del lavoro; Le teorie e i modelli di organizzazione del lavoro; Gli albori del pensiero organizzativo - scuola classica (Weber, Fayol, ecc.); La fatica, la monotonia industriale, l'efficienza e la produttività; La job-analysis classica (Taylor, Ford, i coniugi Gilbreth, ecc.); Il movimento delle relazioni umane (Mayo, ecc.); I sistemi socio-tecnici; I modelli uomo-macchina-ambiente (l'ergonomia); La teoria della razionalità limitata (H. Simon); Il comportamento organizzativo; Il conflitto; I gruppi nelle organizzazioni (Bass, Lewin, Likert, ecc.); Cooperazione, collaborazione, competizione (efficienza interattiva e operativa); Cambiamento organizzativo e resistenze; Le decisioni (decision making): le euristiche e gli errori umani; Decisioni e pressioni di gruppo; La gestione delle risorse umane; Casi ed esperienze

Sono previste attività seminariali in approfondimento alle diverse tematiche affrontate.




Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Ghisla, G., Bonoli, L., Loi, M. Economia della formazione professionale Torino: UTET 2008 -Ghisla, G., Bonoli, L., Loi, M. (2008). Economia della formazione professionale. Torino: UTET [capp. 1 (solo paragrafo 1.3.6), 2,4,5,7,8,9]
Favretto, G. Organizzazione del Lavoro per lo Sviluppo delle Risorse Umane QuiEdit: Verona 2010 Contenuti del corso: durante in corso vengono trattate le tematiche principali relative alla nascita delle nuove esigenze di istruzione, addestramento e formazione nel management delle Risorse Umane; i principali canali di finanziamento: europei, nazionali, regionali e d’impresa; la budgetizzazione di un progetto formativo; l’evoluzione della figura del formatore; la definizione economico qualitativa dei costi/ricavi nella strutturazione di un percorso di formazione. Metodi didattici: lezioni tradizionali integrate con didattica attiva e presenza di testimoni esperti Testi: -Favretto, G. (2010). Organizzazione del lavoro per lo sviluppo delle risorse umane. Verona: QuiEdit [capp. 1, 4, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13]

Modalità d'esame

OBIETTIVI
- le prove scritte sono tese a verificare la conoscenza della materia in programma
CONTENUTI
- i contenuti della prova sono da studiare nei capitoli indicati vicino ai testi in programma d'esame.
MODALITÀ
- sono previsti 2 test (il primo relativo al manuale di Organizzazione del Lavoro consta di 20 item; il secondo relativo ai capitoli scelti dal testo di Ghisla, consta di 10 item). Entrambi i test sono a scelta multipla.
VALUTAZIONE
- il voto è dato dalla somma dei punteggi ottenuti nei due test (es. test manuale 20 punti e test Ghisla 10 punti la somma dà 30/trentesimi)
(Gli studenti frequentanti potranno accedere alle prove a loro riservate); forma orale per gli studenti Erasmus.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018