Filosofia dell'educazione (2012/2013)

Codice insegnamento
4S00785
Docente
Daniele Loro
Coordinatore
Daniele Loro
crediti
6
Settore disciplinare
M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 1A dal 1-ott-2012 al 18-nov-2012.

Orario lezioni

Sem. 1A
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 2.3  
giovedì 15.40 - 17.20 lezione Aula 2.3  
venerdì 11.50 - 13.30 lezione Aula T.1  

Obiettivi formativi

L’obiettivo formativo generale consiste nel far comprendere il senso e l’importanza di un approccio di tipo filosofico alla pratica educativa e alla riflessione pedagogica. La professione di educatore, infatti, richiede un insieme di conoscenze, competenze e abilità che non possono essere solo di carattere metodologico, pedagogico, psicologico, sociologico, antropologico, ecc, perché tutte le problematiche educative e le questioni pedagogiche ad esse connesse, racchiudono temi e concetti che richiedono, per essere comprese, conoscenze, competenze e abilità anche di carattere specificamente filosofico. Sulla base di questa finalità generale il corso si propone alcuni obiettivi formativi specifici, espressi sotto forma di risultati di apprendimento attesi.
- Il primo obiettivo formativo da raggiungere riguarda la comprensione del complesso rapporto tra educazione filosofia: alla fine del corso lo studente sarà in grado di conoscere le ragioni che giustificano tale rapporto.
- Il secondo obiettivo riguarda la capacità di leggere un problema educativo e la conseguente tematica pedagogica anche dal punto di vista filosofico: al termine del corso lo studente sarà in grado di interpretare un determinato problema educativo dapprima in termini pedagogici e poi filosofici.
- Il terzo obiettivo da raggiungere riguarda la capacità di applicare le conoscenze acquisite in un contesto educativo particolare, quale quello dell’approccio ai problemi filosofici da parte dei bambini: al termine del corso lo studente sarà in grado di conoscere e di riflettere sulla capacità filosofica propria dei bambini.
- Il quarto obiettivo da raggiungere riguarda lo sviluppo di una maggiore capacità autonoma di giudizio e di comunicazione: al termine del corso lo studente sarà in grado di utilizzare il linguaggio filosofico all’interno del contesto pedagogico e sarà invitato ad esprimere proprie riflessioni critiche su quanto appreso.

Programma

Contenuti principali della parte “generale” o istituzionale del corso:
- Dall’esperienza educativa ai problemi filosofici, ossia: la dimensione filosofica dei problemi educativi.
- Temi e problemi educativi e la loro comprensione in termini filosofici: educazione come “esperienza”; educare “persone”, la dimensione veritativa, etica ed estetica di ogni esperienza educativa.
- Identità e ruolo della filosofia dell’educazione tra le scienze pedagogiche.
- Il sapere della filosofia dell’educazione: autori e correnti di pensiero.

Contenuti principali della parte “monografica” del corso:
- L’esperienza filosofica dei bambini e con i bambini.
- I temi fondamentali dell’esistenza spiegati dai bambini

Testi per l’esame
Per la parte generale: è obbligatorio per tutti, frequentanti e non frequentanti, il testo seguente:
- D. Loro, Problemi educativi e pensare filosofico, Dispensa 2012-2013 (La dispensa sarà disponibile a fine corso presso la cartoleria Ateneo, Lungadige Porta Vittoria, 37. www.ateneovr.it).

Per la parte monografica, a scelta uno tra i seguenti due testi:
- R. Pol-Droit, Il mio bambino è un filosofo, Cinisello Balsamo (Milano), ed. San Paolo, 2011.
- M.Vinciguerra, Pedagogia e filosofia per bambini, Brescia, ed. La Scuola, 2012.
- J. D. Francesch, Elogio dell’educazione lenta, Brescia, ed. La Scuola, 2011.


Metodo didattico
Le lezioni avranno prevalentemente un carattere frontale, ma al loro interno saranno favoriti interventi, domande e brevi dibattiti sui temi di volta in volta affrontati.

Modalità d'esame

L’esame avverrà nella forma della prova scritta, della durata di 3 ore. La prova sarà composta di 6 domande aperte, di tipo descrittivo (per verificare l’apprendimento e la comprensione dei contenuti), di tipo argomentativo (per verificare la capacità di collegamento e di riflessione) e di tipo applicativo (per verificare la capacità di pensare in termini concreti i contenuti teorici studiati).
La capacità di comunicare con efficacia sarà valutata anche dalla qualità della composizione scritta, che dovrà essere corretta dal punto di vista grafico, grammaticale e sintattico.
N.B. Poiché ogni anno il programma del corso è approfondito e aggiornato nei suoi contenuti fondativi, rispetto al programma degli anni precedenti, è scientificamente e didatticamente opportuno che gli studenti iscritti negli anni accademici precedenti diano l’esame portando il programma dell’anno accademico in corso, eccetto motivate ragioni, da comunicare in ogni caso e preventivamente al docente.