Psicologia del lavoro sc (p) (2012/2013)

Codice insegnamento
4S01392
Docente
Serena Cubico
Coordinatore
Serena Cubico
crediti
6
Settore disciplinare
M-PSI/06 - PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Semestrino IIA, Semestrino IIB

Orario lezioni

Semestrino IIA
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 1.1  
martedì 8.30 - 10.10 lezione Aula 1.1  
Semestrino IIB
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 10.10 - 11.50 lezione Aula 1.1  
martedì 8.30 - 10.10 lezione Aula 1.1  

Obiettivi formativi

Il corso fornisce agli studenti un adeguato livello di conoscenze riguardo la psicologia del lavoro: i riferimenti teorici, i modelli e gli ambiti di applicazione della disciplina per le persone e per le organizzazioni.

Programma

Prerequisiti: Conoscenze di base di Psicologia Sociale


Contenuto del corso:
Storia e sviluppo della Psicologia del Lavoro; Metodi e tecniche della Psicologia del Lavoro; Qualità della vita lavorativa (benessere, stress e mobbing); Motivazione e Soddisfazione lavorativa; Valori lavorativi; Orientamento, competenze e carriera; Formazione e sviluppo; Gestione delle Risorse Umane; Imprenditorialità e lavoro autonomo; Passaggio generazionale nelle piccole e medie imprese.


Testi di riferimento:
A) Per la parte generale:
 Argentero, P.G., Cortese, C. e Piccardo, C. (a cura di). Psicologia del Lavoro. Milano: Raffaello Cortina

B) Per la parte monografica, un testo a scelta tra:
 Bellotto, M. (a cura di) (1997). Valori e lavoro. Milano: Franco Angeli
 Cortese, C.G., Del Carlo, A. (2008). La selezione del Personale. Milano: Raffaello Cortina
 Cubico, S., Favretto, G. (2012). Giovani imprenditori: competenze e orientamenti nel Veneto. Verona: QuiEdit
 D’Amato, A., Majer, V. (2005). Il vantaggio del clima. Milano Raffaello Cortina
 Di Fabio, A. (1998). Psicologia dell’orientamento. Problemi, metodi e strumenti. Firenze: Giunti
 Favretto, G. (a cura di) (2005). Le forme del mobbing. Milano: Raffaello Cortina
 Favretto, G. (1999). Lo stress nelle organizzazioni. Bologna: Il Mulino
 Favretto, G., Sartori, R. (a cura di) (2007). Le età dell’impresa. Milano: Franco Angeli
 Kaneklin, C. (2010). Il gruppo in teoria e in pratica. Milano: Raffaello Cortina
 Kaneklin, C., Scaratti, G. (a cura di) (1998). Formazione e narrazione. Milano: Raffaello Cortina
 Maeran, R. (2003). Gestione delle risorse umane nelle organizzazioni. Milano: Led
 Majer, V., Farinella, E. (2009). Il metodo dei casi. Modelli teorici e prassi operativa per l'assessment. Firenze: Giunti O.S.
 Marquardt, M.J., Ceriani, A. (2009). Action Learning. Principi, Metodo, Casi. Milano: Franco Angeli
 Quaglino G.P. (2005). Fare formazione. Milano: Raffaello Cortina
 Spaltro, E. (2003). La forza di fare le cose. Fondamenti di psicologia del lavoro. Bologna: Pendragon
 Trentini, G., a Togni , M. (a cura di) (2008). Continuità generazionale d’impresa. Dimensioni psicologiche e relazionali. Milano: Franco Angeli

Metodi didattici: Lezioni tradizionali integrate con didattica attiva e presenza di testimoni esperti.

Modalità d'esame

L’esame si svolgerà in forma scritta (gli studenti frequentanti potranno accedere alle prove a loro riservate); forma orale per gli studenti Erasmus

Materiale didattico

Documenti